Nuovo Piaggio Beverly, 300 e 400 cc potenza, sicurezza ed eleganza

 

Sta per arrivare il nuovo Beverly. Rivisto e aggiornato in molte sue parti, più completo, più seducente e con i nuovi propulsori che ne esaltano il temperamento, le prestazioni e la sicurezza. Il Beverly, da sempre il Top di gamma della Piaggio è oggi Euro 5 e sfoggia grafiche e linee tese ricercate ed eleganti, così come le sue rifiniture migliorate in ogni componente. La qualità dei dettagli è superiore rispetto alla serie precedente, così i singoli componenti e quanto ai propulsori si cambia tutto. Cambia la cilindrata, ora di 300 cce 400 cc per poter usufruire di un vero granturismo da sfruttare in città, ma che non disdegna i viaggi di medie tratte. Cambia la strumentazione, ora interamente digitale e c’è l’introduzione dei fari a Led. Sparisce la chiave d’accensione e viene introdotto il sistema Piaggio-MIA per riprodurre le funzioni dello smartphone nella strumentazione. Tanta sicurezza con ABS e controllo della trazione TCS e tanti accessori per un mezzo senza compromessi.

Il nuovo Piaggio Beverly è a suo agio in ogni situazione, dal commuting urbano, dove emergono agilità e maneggevolezza, fino al turismo extraurbano a medio e a lungo raggio, anche con passeggero, situazione nella quale mette in mostra stabilitàpotenza e comodità a bordo al massimo livello. Al centro del nuovo manubrio campeggia il proiettore anteriore a LED.

 

Sono a tecnologia LED anche gli indicatori di direzione e le luci di posizione, piazzate ai lati dello scudo ne profilano i bordi, creando così una “firma” luminosa che rende il nuovo Beverly immediatamente riconoscibile anche di giorno. Nella zona posteriore il codone termina con un originale profilo a estrattore che emerge al centro del gruppo ottico posteriore a LEDL’inedito portatarga di derivazione motociclistica, posizionato sulla ruota, contribuisce a rendere il posteriore del nuovo Beverly estremamente snello e pulito. Sono nuovi anche i cerchi, con un disegno sportivo a sette razze sdoppiate, e la sella, riccamente rifinita con doppio rivestimento e doppie cuciture.

Sul nuovo Piaggio Beverly debuttano due nuove e potenti motorizzazioni Euro 5 della famiglia hpe – High Performance Engine – di 300 e 400 cc.

Entrambe le unità – monocilindrici 4 tempi, 4 valvole, con raffreddamento a liquido e iniezione elettronica – sono frutto dell’esperienza del centro ricerca e sviluppo del Gruppo Piaggio, i cui interventi sono stati mirati a ottenere maggiori prestazioni e una migliore guidabilità, riducendo il consumo di carburante e la rumorosità.

Il motore 300 hpe cresce di potenza del 23%, rispetto alla precedente versione di pari cilindrata raggiungendo i 19 kW (25,8 CV) a 8000 giri, mentre la coppia massima cresce del 15% fino a 26 Nm a 6250 giri.

Il propulsore 400 hpe va a sostituire la precedente unità 350. La differenza non sta nel semplice aumento di cubatura: partendo da un motore già estremamente efficiente, i tecnici Piaggio hanno migliorato ulteriormente il rendimento meccanico e termodinamico e ridotto i livelli già bassissimi di vibrazioni e rumorosità. Il risultato è una potenza che arriva a 26 kW (35,4 CV) a 7500 giri e una coppia massima di 37,7 Nm a 5500 giri, dati che tradotti in strada significano prestazioni ed elasticità di marcia.

Queste due unità, modernissime e potenti, sono unite a una ciclistica estremamente efficace ed evoluta. Il telaio a doppia culla in tubi di acciaio ad alta resistenza e lamiera stampata è abbinato all’anteriore a una nuova forcella Showa con steli da 35 mm di diametro, mentre al posteriore lavora una nuova coppia di ammortizzatori Showa a doppio effetto e molla elicoidale con precarico regolabile su 5 posizioni.

Grazie a questa struttura portante di natura motociclistica e alle grandi ruote con cerchi in lega leggera (16” all’anteriore e 14” al posteriore) il nuovo Beverly assicura un comfort di marcia e una tenuta di strada da moto, mantenendo grande agilità e maneggevolezza. La versione 400 hpe adotta inoltre pneumatici più larghi (120/70 anziché 110/70 all’anteriore e 150/70 anziché 140/70 al posteriore), che assicurano una migliore stabilità a velocità sostenute. La versione 400 hpe si distingue anche per il doppio terminale di scarico e per il cupolino di serie.

Piaggio Beverly si migliora anche sul fronte della dotazione tecnologica adottando il sistema keyless per azionare l’accensione senza dover inserire la tradizionale chiave e rendendo così più agevoli l’avviamento, l’apertura della sella e dello sportello carburante e l’inserimento del bloccasterzo, tutte operazioni che possono essere fatte col telecomando in tasca.

Il “ponte di comando” accoglie al centro una nuovissima strumentazione LCD completamente digitale da 5,5”, ai lati della quale sono posizionati i nuovi comandi al manubrio, completamente ridisegnati nell’ergonomia. L’equipaggiamento è completato dal sistema di connettività PIAGGIO MIA, di serie sulla versione 400 hpe, che permette di collegare via Bluetooth lo smartphone al sistema elettronico di bordo di Beverly, offrendo funzionalità esclusive per un’esperienza di guida ancora più appagante e divertente.

Nel nuovo Piaggio Beverly coesistono due anime ben distinte: quella più elegante e ricercata da un lato, rappresentata da Beverly, e quella più grintosa e sportiva dall’altro, che si manifesta in Beverly S.

Piaggio Beverly offre una gamma di colori eleganti e lucidi, quali Bianco Luna e le due inedite tinte Blu Oxigen e Grigio Cloud. Tali colorazioni sono abbinate a finiture dalle gradazioni metalliche chiare, calde e avvolgenti, alla sella color testa di moro e a cerchi ruota color grigio chiaro.

Piaggio Beverly S si distingue innanzitutto per le sportive finiture opache in grigio grafite. Le varianti cromatiche dedicate sono tre: Argento Cometa e Nero Tempesta, opache, e l’originale e futuristica tinta lucida Arancio Sunset. La versione S è dotata di una nuova sella di colore nero in due materiali e di cerchi grigio scuro. Appena a disposizione, la nostra prova su strada….. a presto

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: