Gruppo VW – Skoda vince con Karoq e ne aumenta la produzione

A settembre mi sono recato presso il concessionario VW-Skoda di via del Foro Italico a Roma, perché interessato a questo modello. Auto ben costruita, da una linea sobria ma equilibrata e dai contenuti tecnici di ultima generazione. Completa per dotazione sin dall’allestimento base, mi ha davvero colpito. Gli interni sono ben fatti in ogni dettaglio. L’andamento della plancia è lineare, sobrio elegante senza fronzoli. I materiali ottimi, anche meglio delle ultime produzioni VW. Ogni cosa è al posto in cui ci si aspetta di trovarla. C’è tanta tecnologia e supporti attivi alla guida. Lo spazio è abbondante, così come il bagagliaio (con ruota di scorta). Nessuna sbavatura nell’accoppiamento. Quando poi l’ho provata – seppure scettico per le unità motore di cilindrata 1.0 non ho potuto che ricredermi. Appartengo ad una generazione passata dal 1.3 turbo della fiat Uno, particolarmente compresso, alle cilindrate maggiori ad iniezione. Oggi si ritorna ai turbo e alle cilindrate minimal, ma con prestazioni super e nuove tecnologie che parlano di nuovi materiali, nuovi sistemi per l’iniezione e sfruttamento dei propulsori.C’è la fasatura variabile, iniezione diretta, e tanta tecnologia elettronica che ne variano consistentemente le prestazioni. Dovremo attendere qualche anno per verificarne la durata, ma la tecnologia progredisce e questi nuovi motori – più piccoli – si integreranno sicuramente al meglio all’Ibrido che verrà.

Nello stesso periodo avevo provato l’ultima versione della Nissan Qashqai, la Renault Kadjar, Ford Kuga, ma devo dire che l’auto che mi sono sentito meglio addosso è stata proprio la Karoq. Si tratta di sensazioni personali, ma per manovrabilità, confort, silenziosità, e visibilità non ho dubbi. Forse per gli interni, un pizzico di fantasia in più avrebbe trovato ancora maggiori consensi (tanto è vero che la più recente Kamiq dentro è anche più bella). L’auto mi è piaciuta davvero molto e considerando il rapporto tra prestazioni+dotazioni e prezzo, oggi non avrei dubbi nell’acquisto. Sceglierei la Skoda.

Sono in tanti ad aver apprezzato questo modello. La Skoda infatti avendo venduto più di 250.000 esemplari, ha deciso di implementarne la produzione.

Grazie alla collaborazione interna al Gruppo VW e con il partner GAZ in Russia, possiamo ora aumentare le quote di produzione e meglio rispondere alle richieste dei mercati”. Dopo OCTAVIA e KODIAQ, KAROQ è il terzo modello ŠKODA a essere prodotto in Russia per meglio soddisfare le richieste dei mercati locali. A partire dall’autunno 2020, inoltre, il suv compatto sarà assemblato anche a Bratislava nell’impianto da cui escono oggi gli esemplari della nuova citycar elettrica CITIGOe iV. A settembre 2019, a circa due anni dal lancio, KAROQ ha superato il traguardo delle 250.000 unità prodotte, di cui 115.700 nel 2018. Nei primi 11 mesi del 2019, la produzione complessiva ha già quasi raggiunto le 138.000 unità.

ŠKODA KAROQ è stato lanciato in Italia nel gennaio 2018. Alle tradizionali versioni AmbitionExecutive e Style, nel corso del 2019 si sono aggiunte le nuove varianti SPORTLINE, dall’estetica dinamica e SCOUT, pensata per i Clienti che vogliono esplorarne le potenzialità off-road, grazie a paraurti non verniciati e specifiche protezioni per il sottoscocca. Il crescente apprezzamento da parte dei Clienti italiani è riflesso di una completa combinazione di motori e versioni pensata per rispondere al meglio alle diverse esigenze, che ai conosciuti Turbodiesel 1.6 TDI 115 CV e 2.0 TDI 150 CV e 190 CV affianca le efficienti motorizzazioni benzina 1.0 TSI 115 CV e 1.5 TSI 150 CV. KAROQ è disponibile sia a trazione anteriore sia con trazione integrale 4×4 a controllo elettronico, con cambio manuale o automatico DSG.

Proprio le nuove motorizzazioni benzina oggi rappresentano il 33% delle vendite complessive in Italia, un dato quasi doppio rispetto alla media del segmento di riferimento. Grande apprezzamento è riservato anche al cambio automatico DSG, proposto sia per il 1.5 TSI sia per i motori TDI, che oggi è scelto da più della metà dei Clienti italiani, con un dato complessivo vicino al 58%, a testimonianza di un’ottima propensione per questa soluzione che abbina efficienza e grande comfort di guida. Come tutta la gamma suv della Casa boema, che da poche settimane si è completata con l’arrivo sul mercato del nuovo KAMIQ, il primo City suv ŠKODA, KAROQ offre abitabilità eccezionale in relazione alle dimensioni esterne, amplificata dall’esclusiva soluzione dei sedili posteriori singoli con sistema VarioFlex, che offrono fino a 45 diverse combinazioni di spazio.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: