Gamification e Software, connubio possibile? Da Nissan ai grandi produttori di slot machine online

Crescono in popolarità i giochi, cresce in popolarità anche il concetto di gamification. Un neologismo inventato quasi per caso ormai un decennio fa e che oggi è sempre più perforante e sempre più in larga diffusione. Ne sta traendo spese e soddisfazioni anche l’industria del software, che non fa eccezione alla regola della gamification, con tutte le grandi aziende ormai sulla via del gamified e sempre più interessate a figure professionali qualificate, come i programmatori. Per capirci, la gamification ha raggiunto anche il mondo, delicato, ampio e particolare, dei software. 

Negli anni, dicevamo, il concetto di gamification si è saputo fare strada per bene: basti pensare a case automobilistiche come Nissan, che lo usano per incoraggiare abitudini di guida rispettose dell’ambiente nelle loro app EV connesse. E società di marketing come Convincely, che ora forniscono canalizzazioni di marketing per siti Web Gamified al fine di aumentare le conversioni sui siti web. Non è un segreto, il motivo per cui ciò sta accadendo: i giochi aumentano sempre più in popolarità. Il tempo medio, anno dopo anno, si innalza sempre più: gli utenti, solo nell’ultimo anno, hanno giocato registrando un aumento del 26%. Tutto ciò va ad aggiungersi alla gamification come nuova chiave per il coinvolgimento degli utenti nelle più svariate attività. Trovare però la giusta collocazione alla gamification nello svariato universo dei software è quanto mai difficile.

Chi ha sfruttato al meglio, in collegamento con l’aspetto software, l’universo-gamification è l’azienda dell’azzardo o meglio tutte quelle aziende che producono slot machine e che stanno puntando moltissimo sulla gamification. Anche perché l’universo delle slot machine gratis è quantomai simile a quello dei videogiochi ed è il campo in cui la gamification ha trovato più piede. Tutte le aziende, come Novomatic (che quest’anno festeggia il 40eismo anno d’attività), Playtech, Aristocrat, che stanno trovando terreno fertile per allargare i propri orizzonti.

Il motivo è da rintracciare nel fatto che la maggior parte degli studi e dei sistemi si concentra maggiormente sui prodotti finali che includono la gamification, e non quindi sul processo di sviluppo stesso. Ma ci sono comunque progetti di ricerca che hanno esaminato l’applicazione della gamification all’ingegneria del software. Gli autori hanno proposto una nuova applicazione di gamification, per il miglioramento dell’attenzione degli sviluppatori alle segnalazioni di bug, per garantire ricompense agli sviluppatori per la risposta e la correzione degli errori del software. Inoltre, gli stessi autori hanno sviluppato cinque metriche di valutazione separate, tutte disponibili per gli sviluppatori nella valutazione dell’efficacia dei sistemi, quando sono in uso.

La ricerca, finora, non ha prodotto risultati ma la strada eppure sembra più che tracciata.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: