Assicurazione sospendibile, la soluzione ideale per il motociclista moderno

La gran parte di chi utilizza un mezzo a due ruote, lo usa in alternativa all’automobile, soprattutto nel periodo della bella stagione.

Questo comporta delle spese doppie per l’assicurazione obbligatoria per la circolazione su strada, costi che spesso vanno a gravare in modo importante sulle finanze personali.

La soluzione ideale in questi casi è di sottoscrivere una polizza assicurativa moto sospendibile, che permette di sospendere il pagamento durante il periodo invernale in cui il mezzo a due ruote rimane posteggiato nel box.

Sono polizze nate proprio per venire incontro alle esigenze dei motociclisti che vivono l’utilizzo del mezzo a due ruote come alternativo all’automobile e circoscritto ai periodi di clima mite.

La caratteristica principale delle assicurazioni sospendibili è che il veicolo a due ruote deve essere custodito in un garage o luogo privato non accessibile, e di conseguenza non potrà circolare su strada perché privo dell’obbligatoria garanzia sulla responsabilità civile.

Queste soluzioni permettono un fattivo risparmio economico sul premio annuale da versare, con quest’ultimo che può essere ulteriormente contenuto grazie alle compagnie dirette, che consentono sia di effettuare un preventivo assicurazione moto direttamente online, sia di gestire tutta la burocrazia e gli adempimenti della propria polizza senza sportelli fisici.

Il binomio compagnia diretta / polizza sospendibile è ben rappresentato da  Genertel, che con la soluzione Stop & Go, permette di sospendere e riattivare la polizza direttamente online o dall’App in qualsiasi momento, garantendo un fattivo risparmio sulle spese finali.

La data di scadenza della polizza è prorogata per il periodo corrispondente a quello di sospensione, con quest’ultimo che è determinato dall’assicurato a fronte della sottoscrizione di precisi vincoli contrattuali cui si deve attenere.

Il periodo di sospensione ha una durata minima e massima, elementi che variano in base alla compagnia assicurativa, solitamente si va dal singolo mese ad un massimo di 12.

Sempre dalla tipologia della polizza sottoscritta è definito il numero delle volte in cui la polizza è sospendibile, quelle che prevedono più possibilità di stop includono anche dei costi aggiuntivi, come ad esempio dalla seconda sospensione in poi.

Proprio per la peculiarità di queste clausole è bene prestare molta attenzione in fase di sottoscrizione del contratto di polizza, leggendo attentamente ogni singola postilla che determina tempistiche e costi.

Il vantaggio di questo genere di polizze è dettato dal risparmio economico derivante dalla sospensione, ma anche dalla facilità con cui è possibile fare sospensioni e attivazioni.

Lo svantaggio è legato invece ai costi aggiuntivi che deve sostenere il motociclista che vorrebbe sospendere più volte durante l’anno la validità della propria copertura assicurativa.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: