Honda CB500F/CB500R/CB500X le nuove carte vincenti per il 2022 di Mamma Honda

Le famose Honda CB500F, CBR500R e CB500X si rinnovano per il 2022 con importanti aggiornamenti che riguardano il motore e il telaio per contribuire ad aumentare la loro desiderabilità nei confronti di tutti gli amanti delle due ruote, dai neofiti ai più esperti. Gli aggiornamenti più significativi sono osservabili nella parte anteriore dove è stata inserita una forcella Showa SFF-BP a steli rovesciati da 41 mm che si va ad abbinare a dei nuovi e più leggeri cerchi in alluminio a razze sdoppiate, a dei doppi dischi anteriori da 296 mm e a delle pinze ad attacco radiale Nissin (per la naked e la sportiva), assicurando nell’insieme ancora più qualità di guida. Tutte e tre le moto, sempre divertenti da guidare, dispongono di un forcellone alleggerito ma dalla maggiore rigidità torsionale ed aumentata flessibilità laterale, con lo scopo di aumentare la maneggevolezza e la tenuta di strada.

Per quanto riguarda il brillante motore bicilindrico da 500cc, cuore pulsante delle tre moto, è stato aggiornato nelle impostazioni dell’iniezione elettronica PGM-FI così da enfatizzare l’erogazione di coppia erogata e rendere la moto più brillante, mantenendo comunque il limite di 35kW di potenza massima consentita per i possessori di patente A2. Grazie alle dimensioni compatte e alla facilità di guida che le contraddistingue, le tre Honda 500cc non solo sono adatte a chi vuole imparare ad andare in moto, ma anche a chiunque scenda da una cilindrata maggiore o risalga in sella dopo lungo tempo, e voglia semplicemente divertirsi e godersi, ogni volta che sale in sella, il piacere di guidare.

Honda ha venduto oltre 106.000 unità di queste moto 500cc in tutta Europa: la “roadster” CB500F è la più acquistata, con all’incirca metà delle vendite totali; la CBR500R, con il suo carattere racing, raggiunge il 18%, mentre la CB500X, forte della sua anima adventure, ottiene circa il 35% del totale. Una ricerca effettuata da Honda su un campione rappresentativo di suoi clienti ha mostrato chiaramente il fascino che ciascuna di queste moto riesce a suscitare su differenti classi demografiche di riders. Il 45% dei proprietari di CB500F e CBR500R, infatti, è composto da neofiti, con rispettivamente il 45% e il 60% di età al di sotto dei 34 anni, il che dimostra chiaramente come queste moto siano state determinanti nell’attrarre le nuove generazioni nel mondo delle due ruote.

Al contrario, oltre il 75% dei proprietari della CB500X è composto da motociclisti esperti. A questi, però, si deve aggiungere anche un ulteriore 15% composto da chi si è sentito richiamato in sella dal fascino a tutto tondo offerto da questa adventure bike compatta e dallo stile robusto, con sospensioni a corsa lunga e posizione di guida eretta.

Proprio questo modello è come la sorella maggiore CB750X l’unica vera crossover presente sui listini di Mamma Honda (escludendo la magnifica  CRF1100L Africa Twin di cui torneremo a parlare nei prossimi giorni), potenza piena (35 kW, 48 CV) per patente A2 riceve sostanziali aggiornamenti alla ciclistica improntati al miglioramento dell’efficacia di guida su tutti i percorsi. C’è ora una forcella rovesciata Showa SFF-BP e un impianto frenante con doppio disco. Migliora il rendimento di guida grazie al nuovo forcellone più leggero e flessibile lateralmente e all’ammortizzatore posteriore con un set-up adeguato alla nuova forcella. La ruota anteriore è stata ridisegnata. Per la parte meccanica, il nuovo radiatore è più leggero e le mappature dell’iniezione rendono ancora più corposo il carattere del motore. L’equipaggiamento prevede un faro a LED più potente e gli indicatori di direzione hanno ora funzione anche di luci di posizione.

In linea con i miglioramenti dinamici per ciclistica e sospensioni, si colloca il nuovo impianto frenante. Il precedente disco singolo da 310 mm è stato sostituito dal doppio disco da 296 mm con pinze a due pistoncini. L’intero impianto a doppio disco pesa solo pochi grammi più del precedente a disco singolo ed ha come vantaggio una riduzione della pressione alla leva necessaria a parità di forza frenante applicata. La CB500X 2022 vanta anche una nuova ruota anteriore di 19” alleggerita – grazie a razze ridotte nello spessore ma non nella rigidezza – con lo scopo di ridurre le masse non sospese e contribuire alle ottime doti di agilità. La resa estetica di questo upgrade tecnico è enfatizzata dal nuovo parafango anteriore. La ruota posteriore è di 17”. Invariate le misure degli pneumatici: all’anteriore c’è un 110/80-R19 e al posteriore un 160/60-R17, entrambi con intaglio semi-stradale. Il peso con il pieno della CB500X 2022 rimane pari a 199 kg ma c’è ora una diversa distribuzione dei pesi tra anteriore e posteriore, con lo scopo di rendere la guida su asfalto più reattiva. Si passa così dai precedenti 48/52% agli attuali 48,7/51,3%, mantenendo invariate le geometrie, con interasse di 1.445 mm, inclinazione del cannotto di sterzo di 27,5° e avancorsa di 108 mm.

La CB500X ha un look inconfondibilmente adventure e il manubrio biconico garantisce un controllo di guida eccellente. Il nuovo gruppo ottico anteriore, sempre full-LED, è ora più potente e gli indicatori di direzione hanno funzione di luci di posizione. I convogliatori attorno al radiatore rendono la vista massiccia e muscolosa, con il capiente serbatoio che fluisce uniformemente verso fianchi e codino in un’armoniosa unica linea. Ma sulla CB500X forma e funzione vanno di pari passo, così il pratico parabrezza è regolabile su due posizioni (1.445 mm e 1.410 mm) per assecondare le necessità di protezione aerodinamica di piloti di qualsiasi statura.

Passando a parlare della CB500F, anche questo modello stradale  ha beneficiato di  sostanziali aggiornamenti nella ciclistica telaio e sospensioni, ma anche un affinamenti in ogni settore. C’è ora una forcella rovesciata Showa SFF-BP e un impianto frenante con doppio disco e pinze ad attacco radiale. Aumentano precisione di guida, maneggevolezza e stabilità grazie a una distribuzione dei pesi maggiormente caricata sull’anteriore e al nuovo forcellone più leggero e flessibile lateralmente. L’ammortizzatore posteriore ha un set-up adeguato alla nuova forcella e ci sono ruote ridisegnate. Per la parte meccanica, il nuovo radiatore è più leggero e le mappature dell’iniezione rendono più vivace iil carattere del motore. L’equipaggiamento prevede un faro a LED più potente e gli indicatori di direzione hanno ora funzione anche di luci di posizione.

Il conosciuto e affidabile motore bicilindrico parallelo 8 valvole di 471 cc presenta ora mappature dell’iniezione riprogrammate e un nuovo radiatore più leggero. La ciclistica si avvale invece di una nuova forcella rovesciata Showa SFF-BP con steli da 41 mm di diametro, nuove ruote alleggerite a 5 razze e un forcellone ridisegnato e caratterizzato da una rigidità laterale ottimizzata. Cambia anche la distribuzione dei pesi, leggermente più caricata sull’anteriore, per aumentare agilità e maneggevolezza senza rinunciare a un’ottima stabilità, anche a velocità elevata. Tutto nuovo anche l’impianto frenante, con doppio disco di 296 mm e pinze radiali Nissin a 2 pistoncini. Informazioni stampa CB500F 2022 Modifiche di dettaglio allo stile e all’equipaggiamento, con un nuovo parafango anteriore e nuove pedane sportive in alluminio. La strumentazione LCD a retroilluminazione negativa prevede, come sempre, la spia che lampeggia al regime di cambio marcia impostato e l’indicatore della marcia inserita. Tutte le luci sono a LED, e quella anteriore è potenziata. Gli indicatori di direzione anteriori hanno anche funzione di luci di posizione con una tonalità ambra.

La CB500F trasmette un look tutto muscoli e il manubrio biconico garantisce un controllo di guida eccellente. Il nuovo gruppo ottico anteriore, sempre full-LED, è ora più potente e gli indicatori di direzione hanno funzione di luci di posizione. Ci sono nuove pedane del pilota in alluminio, al posto delle precedenti con rivestimento in gomma, più sportive e più leggere complessivamente di 104 grammi. Convogliatori, serbatoio e codino, sono disegnati per lasciare in vista la meccanica e “mostrare i muscoli” da qualsiasi angolo di osservazione. Il nuovo parafango anteriore è lo stesso della sorella maggiore di 650 cc.

Per finire la CB500R, la sportiva del gruppo. Nuovo modello 2022: la Super Sport a potenza piena (35 kW, 48 CV) dedicata ai possessori di patente A2 riceve sostanziali aggiornamenti alla ciclistica improntati al miglioramento delle performance globali. C’è ora una forcella rovesciata Showa SFF-BP e un impianto frenante con doppio disco e pinze ad attacco radiale. Aumentano precisione di guida, maneggevolezza e stabilità grazie a una distribuzione dei pesi maggiormente caricata sull’anteriore e al nuovo forcellone più leggero e flessibile lateralmente. L’ammortizzatore posteriore ha un set-up adeguato alla nuova forcella e ci sono ruote ridisegnate. Sostanzialmente le modifiche meccaniche sono le medesime degli altri modelli 500cc, ma in veste racing. Modifiche di dettaglio allo stile e all’equipaggiamento, con un nuovo parafango anteriore e nuove pedane sportive in alluminio. La strumentazione LCD a retroilluminazione negativa prevede, come sempre, la spia che lampeggia al regime di cambio marcia impostato e l’indicatore della marcia inserita. Tutte le luci sono a LED, e quella sdoppiata anteriore è potenziata. In Italia, la CBR500R 2022 è commercializzata nelle seguenti colorazioni:  Grand Prix Red , Matt Gunpower, Black Metallic.

Grazie ad una generosa potenza e coppia ai regimi bassi e medi, tra i 3.000 e i 7.000 giri/min., la CB500R è in grado di offrire ottime accelerazioni. È inoltre ottimizzata l’efficienza dei flussi d’aria, rendendoli il più possibile rettilinei dall’airbox ai corpi farfallati. La batteria è lontana dalla parte posteriore del condotto di aspirazione dell’airbox per consentire un flusso d’aria cospicuo. Il terminale di scarico prevede una doppia uscita, che migliora erogazione e sound. La potenza massima è di 35 kW (48 CV) a 8.600 giri/min e la coppia è di 43 Nm a 6.500 giri/min. Per il 2022 la centralina presenta nuove mappature dell’iniezione che enfatizzano le doti di coppia del motore rendendolo ancora più grintoso a qualsiasi regime.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: