Orange Is The New Black annuncia il fondo Poussey Washington

orange is the new black

Il fondo Poussey Washington, che viene presentato in versione immaginaria nell’ultima stagione della serie Netflix, affronta una serie di problemi in modo che “i personaggi possano continuare a avere un impatto dopo che lo spettacolo è finito“.

Orange Is the New Black sta lasciando un’eredità sotto forma di un’iniziativa per aiutare le donne carcerate. E prende il nome dal personaggio più memorabile che la drammatica prigione di Netflix ha lasciato alle spalle.

Il Poussey Washington Fund, che prende l’omonimo dal detenuto di Litchfield precedentemente interpretato da Samira Wiley, è stato annunciato dal creatore Jenji Kohan durante la premiere di New York per la settima e ultima stagione.

orange is the new black

Il comunicato dei produttori di Orange Is The New Black

Abbiamo visto come Orange Is the New Black abbia avuto un impatto su di voi e sulle persone di tutto il mondo“, afferma Wiley in un video che annuncia l’iniziativa. “Siamo stati onorati di raccontare queste storie di questi personaggi e abbiamo imparato in prima persona che il sistema sta fallendo le donne, sia all’interno che all’esterno delle mura della prigione“.

Una versione fittizia del Poussey Washington Fund è presente nell’ultima stagione di OITNB, che trasmette i suoi ultimi 13 episodi il 26 luglio. Nell’ultima stagione, Tasha “Taystee” Jefferson, interpretata da Danielle Brooks, lavora per offrire micro-prestiti alle donne che escono di prigione e la trama ha ispirato Kohan e la produttrice esecutiva Tara Herrmann a dare vita a una versione ampliata.

orage is the new black

La fondazione

Attraverso il Poussey Washington Fund, i nostri personaggi possono vivere e continuare a fare colpo dopo che lo show è finito“, afferma Kohan in una nota. “Taystee ha riconosciuto un’opportunità per fare la differenza per i suoi compagni di prigione e non abbiamo visto alcun motivo per cui non siamo riusciti a lanciare la nostra iniziativa per avere un effetto nel mondo reale“.

Il fondo che è stato lanciato giovedì comprende otto organizzazioni senza scopo di lucro che si concentrano su una serie di questioni relative alla prigione e alla riforma della giustizia penale. La speranza è che gli spettatori colpiti dalla serie vincitrice dell’Emmy – e la morte tempestiva ma scioccante di Poussey Washington, un fidato detenuto nero assassinato da un ufficiale di correzioni bianche nella quarta stagione – saranno motivati ​​a mostrare il loro sostegno. La settima stagione termina con una scheda del titolo che richiede agli spettatori di visitare crowdrise.com/PWF.

Esistono enti di beneficenza che stanno svolgendo un ottimo lavoro, quindi il fondo identifica e sostiene tali enti di beneficenza“, spiega Kohan a THR.

Le organizzazioni coinvolte

Il Poussey Washington Fund include organizzazioni che si concentrano su molte questioni che sono state affrontate nella serie rivoluzionaria e continueranno a svolgere un ruolo tematico importante nella potente corsa finale di OITNB. I gruppi di difesa preesistenti si concentrano sulla riforma della giustizia penale, proteggendo i diritti degli immigrati, ponendo fine all’incarcerazione di massa e sostenendo le donne colpite dal complesso industriale carcerario. Le organizzazioni includono: un nuovo modo di vivere: progetto di rientro, coalizione anti recidiva, college e comunità, libertà per gli immigrati, centro legale per i difensori degli immigrati, il Consiglio nazionale per donne e ragazze incarcerate e precedentemente incarcerate, progetto unprison, associazione carceraria femminile.

Quando ha parlato con THR della trasformazione del fondo in realtà, Herrmann ha dichiarato di aver scelto organizzazioni che hanno lavorato con loro per l’ultima stagione o che avevano precedenti relazioni con attori / attivisti nel cast. Il consulente OITNB Piper Kerman, il cui libro di memorie ha ispirato la serie, ha anche contribuito a identificare i gruppi giusti.

Due delle organizzazioni lavorano sulla detenzione di immigrati e le altre sei sono organizzazioni in tutto il paese che si concentrano sulle donne nel sistema di giustizia penale e lavorano su una serie di cose diverse“, dice Kerman a THR. “E un certo numero di loro sono guidati da donne precedentemente incarcerate, il che è davvero importante per tutti noi che sono associati al fondo“.

Da quando ha scritto Orange Is the New Black: My Year in a Women’s Prison e ha generato la serie Netflix, Kerman ha sostenuto la riforma carceraria e siede nel consiglio di amministrazione di una delle organizzazioni del fondo, la Women’s Prison Association, che fornisce alloggio, famiglia alloggi di riunificazione e una miriade di altri servizi per aiutare il rientro nella società dopo il rilascio (qualcosa che il suo alter ego televisivo, Piper Chapman, interpretato da Taylor Schilling, presenterà anche nell’ultima stagione).

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: