Consigli per la quarantena: The Last Dance

the last dance

Espn, principale canale sportivo americano, regala una bella sorpresa a tutti gli appassionati di pallacanestro ed NBA chiusi dentro le proprie case. The Last Dance, una docuserie targata Espn che ripercorre le ultime stagioni della stella dei Chicago Bulls Michael Jordan.

Dopo l’NBA Together Live c’è un altro modo per ingannare il tempo dedicandosi alla passione per la palla a spicchi. Una troupe televisiva ha seguito, per il momento sappiamo solo di questa, la stagione 1997-1998 e le vicende, pubblica e private di MJ.

Non solo il più grande cestista della storia, però, anche i suoi fidi scudieri Scottie Pippen e Dennis Rodman, considerati probabilmente i due migliori difensori nella storia della pallacanestro. The Last Dance, l’ultimo ballo, l’ultima grande vittoria dei leggendari Chicago Bulls, dominatori della NBA negli anni ’90.

Anche Phil Jackson protagonista di questa docuserie, che proprio in quel momento stava prendendo il soprannome di coach Zen, proprio per la capacità di gestire con animo zen uno spogliatoio ricolmo di incredibili talenti.

Un appuntamento doppio ogni settimana, disponibile in Italia grazie a Netflix che si è impegnata per renderlo fruibile anche per gli europei. Una mossa decisamente azzeccata, visto che The Last Dance ha raggiunto in poche ore la vetta della classifica dei programmi più visti su Netflix Italia. Spiazzato solo da Tyler Rake nel fine-settimana.

Uno sguardo inedito sul personaggio di Michael Jordan, forse una delle icone culturali più conosciute al mondo, una leggenda vivente, che ha visto la sua popolarità calare fortemente in seguito al ritiro, proprio per il suo carattere competitivo e la voglia di vincere a tutti i costi.

In particolare un modo per osservare meglio il rapporto Jordan-Pippen, chi ha fatto sì che l’altro potesse arrivare a vincere sei campionati, in un doppio trheepeat (tre vittorie consecutive) mai riuscito nella storia dello sport americano (con la sola eccezione dei Boston Celtics degli anni ’60, capaci di vincere 10 campionati di fila, in un’altra epoca).

Vedere da vicino lo sport che amiamo è un’occasione imperdibile per tutti noi appassionati di pallacanestro ed NBA.

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: