fbpx

Venezia chiama Cicchetti, Roma risponde con bolle!

Fermarsi per “bolle e cicchetti” a Venezia è una piacevole consuetudine della giornata, che local e turisti celebrano nei tipici bacari tra le calle e i canali. A proporre questo frizzante e appetitoso rituale anche a Roma ci hanno pensato Flaminia, Lorenzo e Guglielmo Cavallo con BOLLE in Piazzale degli Eroi 19 (angolo via delle Medaglie d’Oro). I tre fratelli nel quartiere Prati ci sono cresciuti e soprattutto respirando l’aria della tradizionale ristorazione con l’attività di famiglia, il ristorante “Zi Gaetana”, a due passi dal Vaticano, ora ZIG. Nuova aria e concept per il ristorante storico, ma anche nuove idee per questa fresca apertura di Bolle, Cicchetteria di quartiere, che punta a diventare un riferimento per i residenti e punto di incontro anche per turisti e gente di passaggio.

Il grande bancone accoglie la clientela per colazioni, brunch e pause golose con 15 coperti all’interno e 30 sedute per i tavolini esterni, dove a Roma si può godere della temperatura mite per la maggior parte dell’anno. Puff colorati e forme tondeggianti per richiamare proprio le effervescenti bollicine da accompagnare ai cicchetti. L’ architetto Marco Matteucci ha scelto per questo locale uno stile industriale, ma accogliente con colori giallo ocra e materiali di carattere come il ferro battuto.

La colazione è importante, si sa e da Bolle si  inizia con dolci fatti in casa come ciambellone, biscotti, crostata, oppure virare verso pancake e muffin. Per gli abitudinari, non possono mancare i tanto amati cornetti, qui  provenienti da una pasticceria locale, che si possono trovare anche in versione singolare: farciti con  dulce de leche, tipico dolce argentino che conferisce al croissant un gusto ricco e cremoso. Ma anche colazione salata con club sandwich, avocado toast, uova strapazzate e bacon. “Il pane dei toast è fatto in casa e utilizziamo le uova bio di Peppeovo, prodotte da galline livornesi allevate a terra” – precisa Guglielmo, il più piccolo dei tre fratelli.

Arriva l’ora di pranzo e per chi vuole concedersi una pausa pranzo veloce e gustosa  ecco che la formula  Cicchetti si propone. Il cliente potrà scegliere tra 3 tipologiecicchetti (veloce e variegato), 10 15 cicchetti in cui ci si affiderà completamente allo chef che studierà il percorso di degustazione più adatto, spaziando dagli antipasti ai secondi, fino ai dolci.  Anche i dolci, infatti, potranno essere cicchettati: nella divertente formula a cucchiaio sarà possibile assaggiare i capisaldi della pasticceria italiana come il tiramisù e la millefoglie.

Naturalmente le porzioni dei piatti sono disponibili oltre che in formato cicchetti, anche in versione regular.

Per ben rispettare la tradizione dei cicchetti ci si deve affidare anche ai giusti abbinamenti del barman. Per Bolle il noto Bar Manager Pino Mondello ha strutturato diverse tipologie di Spritz e lavorato sulle particolarità dei Gin per meglio abbinarli con i piatti. Anche birre artigianali dell’Eremo, vini classici, biologici per un totale di 60 etichette. Edmondo Cristoforo e Francesca Cianfanelli di B.O.F. Back Office Food si sono occupati personalmente di strutturare la selezione e la progettazione dei prodotti per Bolle. “La nostra collaborazione è nata in tempi pre-pandemici, con Zig. Una buona consulenza è fondamentale perché il locale inizia a prendere vita già su carta, quando si buttano giù le prime bozze di un progetto” – spiega Eddy.

Un angolo, quello di Bolle, a cerchio continuo, dove scandire le ore della giornata con  proposte sfiziose e numerose per tutti i gusti.

BOLLE

Cicchetteria di quartiere

Piazzale degli Eroi, 19 Roma

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: