Vita marina a rischio se l’UE non raggiunge gli obiettivi di protezione stabiliti

vita marina

La vita sotto il mare è a rischio. Gli obiettivi internazionali per la protezione della biodiversità sembrano essere fuori portata. Entro il 2020, i paesi con una costa devono istituire aree marine protette (AMP) per garantire la conservazione della fauna selvatica e della flora. Secondo uno studio del WWF, l’Unione europea è lungi dall’essere all’avanguardia.

Abbiamo 23 Stati membri con area marina nell’UE. Di questi 19 sono al di sotto del limite del 10% di avere una gestione efficace delle aree protette e mancano solo un anno. E ciò che è ancora più allarmante è che la metà di loro, 11 di essi non hanno alcun piano di gestione, sviluppato o segnalato “, spiega Janica Borg, coordinatrice delle politiche per la protezione della marina e la pianificazione dello spazio presso l’Ufficio delle politiche europee del WWF e autore principale.

 vita marina

I paesi dell’UE dovrebbero riservare quasi il 12% delle loro aree marine come aree marine protette. Ma secondo l’ONG, la quota del blocco rappresenta attualmente meno del 2%.

Sono deluso perché dal punto di vista dell’industria della pesca le aree marine protette offrono grandi opportunità per fornire vivai per i pesci e per consentire ai pesci di diventare più grandi. E come sappiamo più grande è meglio perché i grandi pesci si riproducono in numero maggiore. Pertanto, le aree marine protette, il 10% e il 15%, forniscono un ottimo sfondo per un’industria della pesca “, ha dichiarato Chris DAVIES (Regno Unito), membro del Parlamento europeo, gruppo Renew Europe, presidente della commissione per la pesca.

La protezione della biodiversità varia da una zona marittima all’altra. Occorrono ulteriori sforzi nel Mediterraneo e nel Mar Nero. Senza queste aree marine protette, la sopravvivenza dei nostri oceani è a rischio.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: