#Trasgressione, le nuove frontiere hard in Italia

trasgr5

#Trasgressione, termine che vuol dire tutto e niente. Cosa si intende per trasgredire? Ci soffermeremo sull’area sessuale, ovviamente. Non c’è gusto neppure a parlare di trasgredire al codice della strada o altro.

L’argomento caldo, invece ci intriga e ci appassiona, in qualche maniera ci rende potenzialmente partecipi, magari solo con la fantasia. Ci sono cose che potremmo pensare anche di fare, ma che non riusciremo, o riusciremmo mai a fare, per impegni assunti, per costume, consuetudine e rispetto di “buonsenso” inculcatoci nell’educazione tradizionale, scolastica o della classica famiglia perbene. In ordine al perbenismo tanto ostentato dai cosi-detti tradizionalisti, ci sono molte più cose sommerse di quanto non ne vengano evidenziate. Tutto, anche in passato c’è sempre stato, avveniva di nascosto, non se ne poteva neppure parlare, l’etichetta mostrava famiglie composte, ma di fatto facevano tutto  – se non sotto la luce del sole – con maggiore ipocrisia. Non c’era il divorzio, non c’era la separazione, ma di fatto tradimenti, festini, scambi di coppie, voyerismo, se non anche orge, c’erano come ci sono. Dagli antichi greci, malgrado l’evoluzione sociale tecnica, il costume mutato, il sesso rimane un gioco che traina, che appaga e si ricerca più di qualsiasi altra droga.

La televisione prima, internet poi sono i canali con il qualel c’è stata la maggiore diffusione delle immagini. Queste hanno superato le foto e riacceso tanti e tante voglie, e ne hanno fatto nascere di nuove, diverse, spinte a maggiore potenza.

La diffusione è oggi maggiormente trasmissibile. La televisione e i primi canali privati, hanno mostrato, trent’anni fa i primi film erotici. Si sono scoperte immagini video e cose che prima erano statiche nei giornali o nei video che si potevano acquistare solo dai giornalai, o noleggiati. Internet ha reso più fruibile tutto e (nel bene o nel male) ha divulgato l’eros e l’hard a tutti. (oggi metto da parte discorsi moralistici sullo sfruttamento di tutti coloro si cimentano in questo mondo, perché non è l’oggetto del discorso intrapreso. Ce ne sarebbe da dire, ma ne parleremo in un’altra occasione).  Sono fenomeni da controllare nelle utenze più giovani, ma per gli adulti, maggiorenni e consenzienti, può essere una opportunità in più per conoscersi e conoscere un mondo e un modo d’essere diverso.

La trasgressione può avvenire su diversi livelli. Si può trasgredire  facendo cose che costume sociale non ammetterebbe. Sui siti sorti a decine se non centinaia si propongono giochi per singol, per coppie, etero, gay, bisex, lesbo, scambi, ce ne è per tutti i gusti. Può significare, sperimentare, imparare, conoscere. Il singol può avere opportunità sessuali con una o più persone, partecipare a giochi e a feste, incontrare gente del suo stesso sesso o vere e proprie ammassamenti di carne. Obiettivamente devo dire che quando le cose si fanno in piena libertà e col consenso dei partecipanti, non si dovrebbe poter criticare. Ma si può comunque non condividere. Il gioco è qualcosa che deve limitarsi nel tempo, altrimenti può diventare una malattia, una dipendenza. La dipendenza si trasforma a volte nel cercare sempre di più, nell’osare e spingersi oltre e si può finire con l’esagerare fino a ledere l’altrui spazio. Anche le coppie vanno alla ricerca di giochi che accendono nuove fantasie. C’è chi lo fa per eccitazione pura, chi per guardare o soddisfare l’esigenza del partner, chi per noia. Ci si spinge a provare cose inusuali e anche fantasie che erano solo nella testa. Non si può neppure criticare, sono gusti e scelte personali, finché resta un gioco.

trasgr11

Ora questi giochi si sono informatizzati, attraverso account (che sarebbe da verificare la sicurezza sull’identificabilità – ci sono tanti come accennato – che si spingono oltre e diventano Mostri). Non c’è sempre il gioco dietro. Le trame che si possono muovere dietro certi “innocui” video erotici o annunci di incontri, nascondono spesso sfruttamenti e prostituzione. Chi vuole giocare deve stare molto attento a chi contatta.

Ci sono, in Italia, specialmente in zone più isolate, in Emilia Romagna, Toscana, Umbria, vere e proprie factory che offrono saune, idromassaggi, e suite esclusive e incontri non casuali organizzati per scambi e giochi sessuali. Imprese sorte dietro Agriturismi o Oasi del benessere. Non so quanto tutto questo mondo sia legale. In ogni caso chi vi entra non sa bene ciò che succederà, e a molti sta bene proprio questo.

C’è chi invece gli incontri li fa nei parking dei centri commerciali, veri e propri sex-parking, in cui le prestazioni stesse avvengono nelle aree soste. I cosidetti esibizionisti, non si limitano solo a intraprendere giochi, ma a renderli pubblici, ledendo così anche l’altrui libertà.

Non sto dicendo di farlo, anzi, ma se proprio non se ne può fare a meno attenzione. Mai incontrarsi in un terreno che non sia Neutrale. Spazi aperti, bar, ristoranti, alberghi, mai a casa di qualcuno. Attenzione all’igiene e alle malattie veneree. Non sono cose da sottovalutare mai.

In tutta sincerità, ci sono cose che intrigano nella sfera dell’eros, tipo le scene di Eyes Wide Shut, nel film Stanley Kubrick ho provato un certo impulso, a guardare….

trasgr10


Tutto ciò che gira intorno alla nudità, però, non deve per forza essere oggetto di critiche. Ci sono gli spazi dedicati al nudo dove non c’è trasgressione. I Naturisti, ad esempio, fanno della nudità un modo di vivere, senza perversione. tutto può mostrarsi, in quanto la vista e la sensualità diventa un qualcosa (in teoria) messo a riposo. La nudità non porge il fianco ad alcuna critica. Non c’è trasgressione, se non nella fantasia di chi non pratica tale filosofia. C’è chi cerca per forza il marcio, anche dove non c’è. E’ questione di testa e di mentalità. Dove si è abituati non c’è perversione ne sessualità.  Stessa cosa dicasi per le saune e Idromassaggi dove è ammesso entrare senza indumenti.

sauna

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: