Tante le guarigioni dal Coronavirus. Progressioni e limiti alla malattia

Coronavirus: la proporzione tra guariti e deceduti è di quattro a uno. Per ogni persona deceduta, ben quattro guariscono.

Il Coronavirus ha ucciso oltre 1.370 persone in Cina, ma oltre 5123 infetti sono  guariti.

Da dove è nata l’epidemia “Coronavirus” iniziata in Cina? Secondo l’ultimo rapporto di mercoledì 12 febbraio, oltre 45.000 persone sono state contagiate, 1.310 sono morte e oltre 5123 sono state curate e sono guarite. Le autorità cinesi hanno riferito che il numero di infezioni giornaliere sta diminuendo: da mercoledì 2600 nuove persone sono state identificate come infette dal coronavirus, rispetto alle 3.000 di lunedì. L’OMS ha annunciato che il nome ufficiale della malattia è ora “Covid-19“. È probabile che il picco dell’epidemia sarà raggiunto in pochi giorni, il che significa che l’epidemia dovrebbe diminuire di intensità dalla fine di febbraio.

Mappa interattiva: diffusione del Covid-19 in tutto il mondo, in tempo reale

Situazione in tempo reale: https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/85320e2ea5424dfaaa75ae62e5c06e61

Mappa interattiva:

Qual è l’origine del virus?

Il virus è nato a Wuhan, in Cina, in un mercato rionale ed è stato trasmesso all’uomo da un animale. L’ipotesi che maggiormente si va seguendo (con molte perplessità in ambiente medico/scentifico), relativa all”origine del Coronavirus è quella dei pipistrelli venduti nel mercato cittadino.

Questa ipotesi si basa su un confronto genetico del DNA completo del virus 2019-nCoV: è identico al 96% a un ceppo virale dei pipistrelli, che era già stato la fonte del coronavirus di Sars. nel 2002. Ma vengono prese in considerazione altre strade, come quella che attribuisce la trasmissione dai serpenti.

Quali sono i sintomi del coronavirus?

I sintomi del coronavirus 2019-nCoV sono simili a quelli dell’influenza o della polmonite. I pazienti hanno febbre, gravi problemi respiratori e tosse.Come viene trasmesso il virus?

La trasmissione da uomo a uomo del coronavirus 2019-nCoV è ora dimostrata. Le vie respiratorie sembrano privilegiate nella trasmissione del virus, principalmente attraverso le goccioline di saliva spinte in caso di tosse. Anche il contatto con “superfici appena contaminate da queste secrezioni” può causare infezioni. Il coronavirus, d’altra parte, sopravvive molto male al di fuori di un ospite a breve termine, nell’aria o sugli oggetti.

Le maschere sono efficaci? C’è un trattamento?

Al momento non esiste un farmaco specifico contro il coronavirus e il trattamento rimane sintomatico. Ci sono tante informazioni false e voci  circolanti, inesatte o senza fondamento alcuno.  Le equipe tailandesi hanno annunciato di aver curato i pazienti con un cocktail che combinava Arbidol, un farmaco usato in Cina e Russia per curare l’influenza, combinato con il farmaco Darunavir, usato per curare i pazienti con AIDS. Questi risultati devono tuttavia essere verificati da altri studi.

In Vietnam, il comune di Son Loi, a nord-ovest della capitale Hanoi. la comunità conta 10mila abitanti è stato isolato per venti giorni per evitare la diffusione del corona virus.

Vaccino?

In Cina, Australia, USA e anche in Italia i team di ricercatori sono riusciti ad isolare la sequenza del virus. Riuscire a riprodurre grandi quantità dello stesso virus, permette di poterlo poi studiare o sfruttare per verificare il modo in cui reagisce con alcuni farmaci. Vengono così testate “molecole antivirali conosciute”, per riuscire  “proporre un candidato al vaccino”. Al momento i Ricercatori  sperano di sviluppare un vaccino entro la fine dell’estate 2021.

Qual è il profilo della vittima del coronavirus?Oltre l’80% di coloro che sono morti aveva più di 60 anni e oltre il 75% di quelli che sono vittime del virus  ha avuto già altri problema di salute, come il diabete. Il virus può anche essere contratto dai bambini, ma i sintomi sono meno gravi.

Incidenza :

Dati statistici parlano di un  tasso di mortalità del 3,1%, ma altrove è solo dello 0,16%. Questi risultati sono tuttavia provvisori e possono variare a seconda della diffusione dell’epidemia e del tasso di mortalità che è ancora difficile da stimare a causa della novità del virus. Non è possibile fare confronti con  altre epidemie. Ogni conclusione sarebbe inesatta. In ogni caso la mortalità dell’influenza “ordinaria”, ogni anno, si aggira su numeri di gran lunga superiori.

Animali domestici e Coronavirus:

Nessuno studio ha ancora dimostrato che cani e gatti possano essere infettati dal coronavirus, anche se allo stesso tempo un’altra considerazione riguardante gli animali ci riporta all’inizio di questo contagio.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: