Surfista prende a calci uno squalo e si salva

screenshot-2016-12-02-12-22-11

In Australia è sempre tempo di surf. Sono tanti gli appassionati che si danno appuntamento nelle coste orientali dove le onde sono particolarmente lunghe alte e cavalcabili. Il popolo del surf è piuttosto eterogeneo. Sono tutti appartenenti ad una nicchia di estimatori di modi costumi e stili di vita. La loro tavola da surf è la loro arma con la quale tagliare  o cavalcare uno stile di vita. I fatti di ieri si sono svolti a Seven Mile Beach, vicino a Forster, 300 km a nord di Sydney..

Un surfista è sopravvissuto, riportando solo una ferita (ma profonda) ad un piede e al braccio, dopo essere stato attaccato da un grande squalo bianco che ha rotto la sua tavola in mille pezzi e, una volta preso nella morsa delle sue fauci, ha trascinato l’uomo sott’acqua.

screenshot-2016-12-02-12-21-27

La vittima, Colin Rowland, –  65 anni,  è un agente immobiliare in pensione che pratica questo sport da 54 anni. Non aveva mai visto uno squalo da vicino. Questa volta si e non lo dimenticherà facilmente.

L’animale ha morso il piede e il braccio. Secondo il quotidiano locale Newcastle Herald, ha poi cercato di morderlo una terza volta, ma Rowland è riuscito a dargli più calci sul muso con il piede libero facendogli mollare la presa. Poi l’uomo è riuscito a nuotare fino a riva e chiedere aiuto.

All’arrivo della polizia e dell’ambulanza, hanno trovato l’uomo tutto sommato in buone condizioni e con un sorriso stampato, che era sicuramente una reazione ai fatti, per lo scampato pericolo. Rowland è stato trasportato in elicottero in un ospedale locale, dove è ricoverato in condizioni stabili. “Il surfista ha ricevuto punti di sutura al  piede e una mano”.  Secondo una ricostruzione della polizia di  New South Wales e tenuto conto delle tracce dei morsi di ciò che rimaneva della tavola da surf, si stima che lo squalo era lungo circa 3,5 metri.

screenshot-2016-12-02-12-54-55

 Colin Rowland  è pronto a tornare in acqua, nonostante l’esperienza, in cui ha visto la morte da vicino,  si è detto ansioso di tornare, su una nuova tavola, in acqua.

Ha anche affermato che quanto accaduto non è attribuibile allo squalo, “‘non è colpa dello squalo ero nel suo territorio … Ero nel posto sbagliato nel momento sbagliato’, ha detto alla Nine News”. 

Il figlio di Mr Rowland, James Rowland, ha postato su Facebook il buon umore di suo padre e raccontare del  desiderio del padre di tornare in acqua al più presto.

“Papà sta bene e vuole ringraziare tutti per l’amore e sostegno mostrato. Siamo ancora in attesa per l’intervento chirurgico sul piede, ma tornerà in acqua al più presto “.

Dopo l’incidente la spiaggia è stata chiusa e vige il divieto di balneazione in tutta la zona. 

seven-mile-beach-8

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: