Quali sono i migliori tipi di erba?

Al giorno d’oggi l’utilizzo di erba per uso personale è sempre più diffuso non solo tra i giovani in quanto, se consumata con moderazione, la stessa può aiutare a lenire gli stati ansiosi, favorire il sonno e talvolta anche intervenire sui dolori cronici.

La soglia accettata dalla legge prevede che il principio attivo non superi 1 g / 1,5 g di THC, oltrepassato il quale si incappa in sanzioni penali gravi in base alla quantità detenuta.

Rimanendo nel campo della legalità, stiamo assistendo a un progressivo sviluppo di veri e propri punti vendita, che commercializzano prodotti a base di erba per sperimentare nuove sensazioni e provarne i benefici.

In questo articolo analizzeremo nel dettaglio quali sono i migliori tipi di erba che è possibile acquistare, in base agli effetti provocati sull’individuo, valutando sempre che la percezione e la soglia di tolleranza è diversa per ognuno di noi.

I MIGLIORI TIPI DI ERBA

L’erba in commercio, più o meno clandestino, si differenzia in molte tipologie diverse, ognuna con le proprie caratteristiche relative al gusto, all’odore e soprattutto all’intensità con la quale agisce sul sistema nervoso di ogni individuo.

La preferenza è pertanto soggettiva e dipende da parametri puramente personali, anche se ci sono dei dati oggettivi che rendono una varietà specifica più pregiata delle altre.

La Sativa

Questa pianta si presenta in una forma alta e slanciata, con rami allungati e le tipiche foglie strette che vengono spesso rappresentate nella stilizzazione della cannabis su gadget dedicati.

La conformazione è strettamente connessa alla sua origine; nasce in paesi tropicali come il Messico, la Colombia, il Vietnam ed alcune zone dell’Africa e, per proteggersi da umidità e parassiti, la natura le ha permesso di crescere maggiormente in altezza.

Le stessa, infatti, soffre notevolmente il clima freddo e necessita di essere coltivata in estate o in apposite serre per svilupparsi al meglio.

Come molti dei consumatori abituali sanno, ogni erba sprigiona un profumo caratteristico e facilmente riconoscibile nelle tipologie più diffuse; ad esempio, la sativa presenta un aroma terroso che a tratti può ricordare l’odore della benzina, anche se il sapore è molto gradito ai più, essendo una delle varianti più apprezzate dai consumatori.

Per quanto riguarda gli effetti, quelli più diffusi sono agitazione, energia e stimolo all’azione, che porta il fumatore a doversi muovere freneticamente.

Non scegliete questo tipo di erba se il vostro desiderio è quindi quello di passare una serata in uno stato di calma e relax.

Un’ottima variante della sativa è denominata Blue Dream, capace si di elettrizzare tutto il sistema nervoso, ma nel contempo di calmare gli stati di stress più acuti.

Il sapore è gradevole, con sentori di bacche ed agrumi.

La Indica

Spesso confusa con la precedente varietà, questa pianta presenta una morfologia differente, con foglie sviluppate maggiormente in larghezza ed una struttura meno affusolata.

L’origine è totalmente differente, preferendo la stessa climi freddi e zone montuose, come l’India e il Nepal, dove è largamente diffusa e cresce libera in natura.

La stessa è maggiormente gradita da un pubblico femminile, presentando note più dolci dal sapore di frutti e miele e risultando più delicata della precedente anche nel gusto.

La Indica, inoltre, genera tendenzialmente effetti calmanti e rilassanti, è particolarmente indicata per chi soffre di insonnia. Qualche tiro prima di andare a letto concilierà una dormita più profonda e serena, priva di risvegli.

Critical + 2.0

Si tratta di un ibrido creato per resistere sia alle basse temperature che all’umidità, molto resistente e robusto, che prolifera con una velocità impressionante e garantisce un’ottima resa in tempi molto brevi, maturando definitivamente nel mese di settembre.

Con un gradevole sentore di limone, spezi e pino, garantisce sensazioni molto positive, come immediato conforto, serenità ed anche ilarità immotivata, ma mai eccessiva.

Girl scout cookies

Dal nome originale ed accattivante, questo tipo di erba è rivolta principalmente a consumatori di sesso femminile, che vogliono provare nuove sensazioni gioiose ed esplosive, senza il pericolo di reazioni negative e stati depressivi.

Originaria di San Francisco, propone ottimi aromi dalle note dolci e floreali, che quasi ricordano un profumo da donna.

La fioritura di questa pianta generalmente si attesta attorno ad un massimo di 60 giorni, con delle cime molto dense e pronte ad essere raccolte e lavorate.

Gorilla glue auto

Dal nome evocativo, si tratta ancora una volta di una pianta creata in laboratorio da un gruppo di allevatori, che risulta molto facile nella coltivazione ed adatta anche a coloro che si approcciano per la prima volta alla pratica.

La stessa è in gradi di fornire uno sballo che anche gli accaniti fumatori sentiranno forte sulla propria pelle, avendo un livello di THC pari al 241%, molto alto per gli standard del settore.

E’ bene però porre una certa attenzione nel suo utilizzo, evitando di esagerare poiché potrebbe alterare notevolmente i comportamenti e provocare spiacevoli situazioni a chi la assume e a coloro che gli sono intorno.

Le sue cime risultano davvero gustose, dal profumo intenso e persistente, rendendosi adatte davvero ai più avvezzi alla pratica della cannabis.

Sweet ZZ

Parliamo in questo caso di una variante della Indica, unita alla Grapefruit e risultando così ancora più dolce e saporita, con aromi di bacche selvatiche ed uva che la rendono meno aggressiva della precedente a livello di gusto.

Non bisogna tuttavia farsi ingannare dalla sua delicatezza, in quanto il grado di THC si attesta su un buon 22% e la sensazione di alterazione è molto intensa.

In questo caso, però, si manifesterà con un maggiore senso di rilassatezza e pace con il mondo intero, lasciando il consumatore in uno stato di beatitudine per molte ore dopo l’assunzione.

La sua fioritura è abbastanza breve e si presta facilmente ad essere coltivata indoor, non richiedendo però un clima troppo caldo ed umido.

Purple punch auto

Terminiamo con un’altra varietà derivante dalla Indica, che però assume un particolare colore violaceo che rende le sue cime particolarmente riconoscibili e gradevoli alla vista, anche durante la coltivazione, che può essere effettuata in zone ristrette per le dimensioni ridotte della pianta.

Il suo scopo è avvolgere il corpo ed infondere una sensazione di immediato benessere, che si irradia dal cervello e permette di godere di uno stato di grazia piuttosto a lungo.

La stessa, infatti, in forma ridotta e modulata, viene anche utilizzata per scopi terapeutici, al fine di lenire i dolori cronici di pazienti con gravi malattie, producendo un piacevole effetto sedativo che dura nel tempo.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: