Incomincia la Quadriennale Arte a Roma

Nel trambusto delle misure restrittive, sono scampati alla morsa sulla cultura musei ed esposizioni. Una grande gioia per gli appassionati d’arte, considerata l’importanza dell’appuntamento con l’arte che si protrae dal 30 ottobre al 17 gennaio a Roma. Al Palazzo delle Esposizioni si apre infatti la Quadriennale Arte 2020.

La Quadriennale non rappresenta solamente il riassunto degli ultimi quattro anni nel mondo dell’arte e con gli “occhiali” dei migliori interpreti del momento, ma rappresenta un momento di riavvicinamento al mondo della cultura, un episodio quasi catartico di ritrovamento di sé stessi. La mostra, inoltre, valorizzerà l’incontro e l’intreccio tra le varie forme d’arte e la reciproca comunicabilità di ognuna.

Il titolo di quest’edizione è Fuori, inteso come invito ad uscire fuori dagli schemi e ad assumere una posizione eccentrica, ad acquisire una visione nuova nell’approccio con la realtà. I curatori sono Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol e gli artisti da loro scelti sono 43, provenienti, come detto da svariati ambiti artistici, a partire dalla scultura di Michele Rizzo, al design di Nanda Vigo.L’attenzione al nuovo ed al progresso è testimoniata dal fatto che più della metà degli artisti in esposizione rientri nella categoria under-40.

La Quadriennale di quest’anno, tuttavia, guarda al futuro tenendo ben stretto anche il passato, o meglio, il bagaglio culturale che è stato creato negli anni che hanno preceduto quest’edizione: è vivo il desiderio di documentare la ricerca artistica italiana del tardo Novecento ed è inoltre un obiettivo quasi affermato quello di voler valorizzare e vedere con occhi diversi la produzione artistica intercorsa dagli anni ’60 ad oggi con le opere in esposizione.

Un risultato che mira ad essere ottenuto anche con il raddoppiamento dello spazio espositivo rispetto alle precedenti esposizioni, portandolo a 4.000 metri quadri.

Un’ulteriore novità è la riapertura, in collaborazione della Banca d’Italia, della sala che ospitava il Bal-Tic Tac, locale futurista ideato da Giacomo Balla, nel quale è peraltro visibile l’ampio dipinto murale. L’accesso ad esso è tuttavia consentito solo tramite prenotazione dal sito web. L’opera di Balla è oggetto inoltre della promessa di ulteriore valorizzazione dell’impegno della Banca d’Italia nella creazione di uno spazio espositivo permanente sulla moneta e sulla finanza.

Da segnalare sono inoltre i workshop Q-Rated, che hanno messo negli scorsi anni in contatto i giovani artisti con curatori italiani ed i cui risultati sono esposti alla Quadriennale stessa, con una selezione del risultati maggiormente soddisfacenti ed il fondo Q-International, contributo con il quale la Quadriennale Arte intende sostenere organizzazioni all’estero che espongano artisti italiani.

L’ingresso alla mostra è gratuito ed anche qui è obbligatoria la prenotazione nominale sul sito web della Quadriennale Arte. La mostra potrà essere visitata con l’ingresso scaglionato a fasce temporali di mezz’ora alla volta e solamente indossando la mascherina per tutta la durata della visita.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: