fbpx

Le nuove parole del 2022 secondo la Crusca

Alla scoperta dei neologismi del 2022 apparsi nelle schede di approfondimento della celebre accademia della Crusca.

parole 2022

La lingua è in continua evoluzione, si sa, e anno dopo anno con il suo evolversi racconta la storia attraverso i suoi neologismi.

Che cosa si intende per neologismo?

I neologismi sono le parole nuove all’interno di una lingua che da un certo momento in poi entrano a far parte di essa. Possono essere forme completamente nuove, oppure forme già esistenti che acquistano un diverso significato.

Queste nuove parole di solito nascono dalla necessità di dare un nome a un concetto appena creato o a una realtà che assume più rilevanza rispetto a un periodo precedente. Ma, affinché una parola diventi un neologismo non basta inventarla, bisogna che l’utilizzo di questa, che suoni bene o meno, si diffonda e che questa entri a far parte di fatto della lingua.

Passare in rassegna i neologismi dell’anno ormai quasi passato, delle volte inseriti nella versione più aggiornata di diversi dizionari, permette una retrospettiva su ciò che è stato davvero rilevante nei mesi che ci siamo lasciati alle spalle.

L’Accademia della Crusca ha pensato a delle schede di approfondimento come strumenti di comprensione della lingua nella sua continua trasformazione. Come essa stessa sottolinea, questo non rappresenta un’approvazione da parte dell’ente linguistico che decide di inserire la nuova parola nel dizionario, ma di una semplice constatazione della frequenza del suo utilizzo.

Infatti, nella pagina di presentazione delle parole nuove troviamo scritto:

“Le parole che fanno parte dell’italiano, come di qualsiasi lingua naturale, non possono essere “decise” o “scelte” dall’alto, ma sono quelle che spontaneamente si attestano negli usi dei parlanti, sulla base delle normali dinamiche di funzionamento delle lingue”.

Davanti ai neologismi ci si trova poi difronte a due categorie di comuni parlanti o studiosi; coloro che sono sempre pronti ad accogliere, se non addirittura inventare nuove parole e chi difende un rigido standard linguistico.

Come ricorderemo il caso delle polemiche nate nel 2016 attorno alla parola “petaloso”.

In questo anno che sta per concludersi non mancano, ovviamente, le nuove parole legate alla pandemia, così come i termini che riguardano l’evoluzione tecnologica, le mode o le abitudini.

Ecco per voi una lista delle nuove parole:
  • Metaverso: Insieme di ambienti virtuali tridimensionali in cui le persone possono interagire tra loro attraverso avatar personalizzati.
  • Identità digitale: Interfaccia elettronica e informatica del cittadino creata attraverso i suoi dati identificativi che gli permette di effettuare in rete (o telematicamente) le operazioni riguardanti la Pubblica Amministrazione (e altre istituzioni); una qualsiasi rappresentazione informatica dell’individuo.
  • Phygital: ‘tutto ciò che unisce il contatto e la presenza fisica all’esperienza digitale’. Dall’inglese phygital, parola macedonia composta dall’inizio della parola phy(sical) ‘fisico’ e dalla fine della parola (di)gital ‘digitale’.
  • Green pass: Documento sanitario che attesta la vaccinazione contro il virus SARS-CoV-2, la guarigione dalla malattia COVID-19 negli ultimi sei mesi o la non positività alla malattia COVID-19 e che permette di accedere e circolare liberamente in determinati luoghi.
  • Tamponarsi: Da tamponare ‘sottoporre a tampone’ (antigenico o molecolare), denominale da tampone con aggiunta della desinenza verbale e del pronome riflessivo.
  • Memare: intr. o ass. ‘creare, diffondere e condividere memi’ 2. tr. ‘trasformare qualcosa (un’immagine, un video, una frase e sim.) in un meme’.
  • Dissare: Insultare mordacemente qualcuno o qualcosa attraverso il testo di una canzone (specialmente un cantante rivale); Adattamento del verbo inglese to dis (insultare), con l’aggiunta, all’infinito, della desinenza italiana -are della prima coniugazione.
  • Armocromia: Analisi del colore finalizzata alla valorizzazione dell’aspetto estetico di una persona a partire dalle sue caratteristiche cromatiche (tonalità dell’incarnato, colore degli occhi e dei capelli).
  • FOMO: acronimo di Fear Of Missing Out ossia ‘paura di essere tagliati fuori, estromessi da un evento o un’esperienza piacevole’.
  • Bromance: Rapporto di profonda amicizia (di natura non sessuale) o anche solo di forte intesa tra due o più uomini; Prestito integrale dell’inglese bromance, parola macedonia formata dalla fusione dei sostantivi brother ‘fratello’ (o della sua abbreviazione informale bro) e romance nel significato di ‘relazione amorosa’.

E voi quanti non ne conoscevate? Per scoprirne di altri e approfondirli basta consultare il sito dell’Accademia della Crusca.

Rimanete connessi per altre curiosità.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: