Olio di CBD: un rimedio per tanti disturbi, efficace e naturale

Sul mercato possiamo trovare numerosi oli di CBD, ma non tutti sono validi allo stesso modo. In questo articolo dunque, vedremo insieme che cos’è esattamente l’olio di CBD, quali sono i benefici principali, che potrai anche approfondire a questa pagina, come viene prodotto, e quali parametri considerare per acquistare un prodotto sicuro e di qualità.

Olio di CBD: un toccasana naturale

Come anticipato, sul mercato troviamo moltissimi oli di CBD, ma prima di capire come valutarli, vedremo esattamente cosa sono. Innanzitutto il CBD la sostanza più famosa ricavata dalla pianta della cannabis sativa. L’altro componente altrettanto noto è il tetracannabinolo (THC). A differenza di quest’ultimo però, il cannabidiolo (CBD), non presenta alcuna controindicazione. Questo significa che non ha effetti psicoattivi o collaterali, e non induce nemmeno dipendenza.

Possiamo quindi definire il CBD come un vero e proprio toccasana per la nostra salute, al punto che la stessa comunità scientifica negli ultimi anni ha condotto numerose ricerche per comprendere fino in fondo le proprietà e tutti gli utilizzi possibili. L’olio di CBD è uno dei tanti prodotti a base di CBD, ma è anche uno di quelli che maggiormente incontra il favore dei consumatori grazie alla sua estrema versatilità. L’olio di CBD infatti, prevede differenti applicazioni a seconda del disturbo che si intende curare.

Olio di CBD: attenzione alla provenienza

Il primo dei criteri da tenere in considerazione per l’acquisto di olio di CBD riguarda la sua provenienza. La canapa può essere definita come un bio-accumulatore. Questo significa che è in grado di assorbire dall’acqua, dal terreno e dall’aria, sia sostanze buone che cattive. Quasi inutile sottolineare che il luogo dove questa viene coltivata è di fondamentale importanza. Per questo motivo, è opportuno che l’olio venga estratto da canapa biologica coltivata nei Paesi dell’Unione Europea, quindi sottoposti a rigida regolamentazione.

L’olio di CBD dunque, è un olio vegetale molto pregiato, che tra l’altro risulta particolarmente ricco anche di omega-3 e omega-6, nonché di una serie di vitamine, tra cui A, B, B3, B5, B9, D, E. Appare evidente come tra i tanti utilizzi dell’olio di CBD, uno dei possibili è sicuramente quello di integrare la nostra dieta, spesso povera degli elementi elencati.

Olio di CBD: i benefici per la pelle

Oltre ad una serie di disturbi che andremo a vedere successivamente, l’olio di CBD si rivela particolarmente efficace anche per migliorare la salute della pelle. L’utilizzo topico infatti, permette una maggiore idratazione e rende più elastica la pelle. Persino per i capelli si rivela efficace, dal momento che li rende più luminosi e sani. Alcune ricerche stanno evidenziando anche come l’olio di CBD si possa essere d’aiuto anche per combattere la caduta dei capelli e favorirne la ricrescita.

Ancora una volta, anche in questo caso appare evidente come riscontrando tutti questi effetti benefici attraverso un tipo di applicazione esterna, la provenienza dell’olio di CBD sia importantissima. Sarebbe paradossale infatti acquistare un prodotto così benefico per la nostra salute, privo di quei vantaggi tipici del prodotto stesso, in questo caso dell’olio di CBD. Questo significa che si deve avere la certezza che si tratti di un olio biologico.

Serve la prescrizione medica per il CBD?

La risposta al quesito in oggetto è no. Per l’olio di CBD, e per i prodotti a base di CBD in generale, non occorre alcuna prescrizione medica. Questo a patto che tali prodotti non abbiano una quantità di THC superiore allo 0,2%. In caso contrario la vendita non è libera. Tra l’altro parliamo di una delle caratteristiche principali a cui prestare attenzione nel momento dell’acquisto. Se un negozio dovesse proporre articoli con una quantità maggiore di THC, starebbe commettendo un atto illegale.

Gli oli di CBD commercializzati possono presentare diverse quantità di principio attivo, ovvero di CBD. Solitamente questo è contenuto tra il 2,5% e il 30%. Chiaramente in questo caso la scelta deve essere effettuata a seconda del tipo di disturbo che si intende trattare, nonché sul proprio grado di tolleranza. Nonostante l’olio di CBD non presenti infatti alcuna controindicazione, soprattutto per l’uso orale è sempre opportuno procedere per gradi. Ciò vuol dire che si partirà sempre con un prodotto a bassa concentrazione.

Solo in un secondo momento, in maniera graduale, sarà possibile aumentare il quantitativo e il dosaggio del principio attivo. Ad ogni modo, la maggior parte dei prodotti comunemente reperibili nei negozi sia online che fisici, contiene il 5% di CBD. Tra l’altro l’olio di CBD è disponibile anche in pratiche capsule. Il meccanismo alla base, i vantaggi e i benefici, sono sempre i medesimi.

I benefici dell’olio di CBD

Come detto, l’olio di CBD può essere assunto anche per via orale. In questo caso sarà necessario metterne qualche goccia sotto la lingua. Il quantitativo dipenderà sia dalla persona che dal tipo di disturbo che si intende curare. Tra le principali proprietà del CBD troviamo quelle antinfiammatorie, analgesiche e antiossidanti. Questo rende l’olio di CBD idoneo per i trattamenti contro l’ansia, lo stress, e l’insonnia. In quest’ultimo frangente ad esempio, si rende particolarmente efficace per aumentare la qualità del sonno.

Ciò non può che ripercuotersi positivamente nella nostra quotidianità, con un conseguente abbassamento dei livelli di ansia e stress. L’olio di CBD inoltre si rivela efficace anche per contrastare i segni tipici dell’invecchiamento. Questo perché è in grado di rallentare la formazione di radicali liberi. In tutti questi casi, parliamo di benefici oramai comprovati da numerose ricerche. Molti altri studi però, sono tutt’ora in corso. Secondo i primi risultati sembra che l’olio di CBD possa rivelarsi efficace contro l’epilessia.

Il motivo è che sembra abbia delle notevoli proprietà anti-convulsive. Da sottolineare come i farmaci tradizionali utilizzati solitamente abbiano invece delle controindicazioni ed altrettanti effetti collaterali. Tutti fattori non presenti in un prodotto naturale come l’olio di CBD.

Dove acquistare l’olio di CBD

La massima attenzione verso il CBD della comunità scientifica e dei consumatori, ha portato negli ultimi anni alla nascita di moltissimi negozi, sia di stampo tradizionale nelle varie città d’Italia, che e-commerce online. Questa situazione chiaramente confonde il consumatore, che rischia di non sapere come distinguere un rivenditore valido da uno che invece non lo è. Come dicevamo, il primo requisito fondamentale per una valutazione corretta, è che lo shop sia in grado di certificare la provenienza dell’olio di CBD.

In assenza di informazioni chiare sul luogo di produzione e sulle modalità di lavorazione della filiera, è opportuno rivolgersi altrove. In questo scenario così confusionario, una realtà in particolare merita di essere però menzionata. Stiamo parlando di Justbob.it, e-commerce di prodotti a base di CBD, tra cui chiaramente anche l’olio, che in breve tempo è stato in grado di distinguersi dai concorrenti. Le varianti di olio di CBD disponibili sono numerose e con differenti quantità di principio attivo.

Inutile sottolineare come la qualità di questi prodotti sia massima, e come siano tutti privi di THC come previsto dalla normativa vigente. Anche sotto il profilo dei servizi lo shop si contraddistingue.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: