Nucleare: la Germania sta accumulando milioni di compresse di iodio in caso di incidente

nucleare

Secondo un rapporto dell’emittente tedesca WDR, l’Ufficio federale tedesco per la radioprotezione (BfS) ha ordinato 190 milioni di compresse di iodio in caso di grave incidente nucleare nella Repubblica Ceca o in altri paesi limitrofi che hanno centrali nucleari.

La Germania sta per chiudere le sue centrali nucleari e dovrebbe chiudere l’ultima entro il 2022 mentre passa all’energia rinnovabile basata su energia eolica, solare e di altro tipo. Gli arresti sono una risposta all’incidente nucleare del 2011 a Fukushima, in Giappone.

La Repubblica ceca, d’altro canto, sta cercando di aumentare la sua dipendenza dall’energia nucleare espandendo il numero di unità nel reattore di Dukovany nella regione di Vysočina e forse anche a Temelín nella Boemia meridionale. Temelín si trova a circa 60 chilometri dal confine tedesco, mentre Dukovany dista 180 chilometri. Entrambe le piante sono anche vicine all’Austria.

La mossa della Germania arriva dopo un annuncio simile da parte della Lituania che stava accumulando compresse di iodio a causa della Bielorussia che costruiva un reattore nucleare che dovrebbe aprire entro la fine dell’anno. Le pillole saranno distribuite gratuitamente in caso di incidente.

Le compresse di iodio di potassio proteggono le persone dal cancro alla tiroide in caso di aumento dei livelli di radiazioni. L’assunzione di alti livelli di iodio impedisce alla forma del corpo umano di assorbire lo iodio radioattivo rilasciato in un incidente nucleare. Le compresse proteggono da altri elementi radioattivi come il cesio.

In particolare, bambini, adolescenti e donne in gravidanza devono assumere le pillole in caso di picchi di radiazioni. Tuttavia, non esiste una cura per la malattia da radiazioni causata dall’esposizione a livelli elevati di radiazioni.

La quantità di pillole ordinate dal BfS quadruplica l’attuale scorta di compresse. Il costo dei 190 milioni di compresse costerà 8,4 milioni di euro. Circa 80 milioni di tedeschi avrebbero ricevuto le compresse, che erano state ordinate dalla ditta farmaceutica austriaca Gerot Lannach.

nucleare

Lo scienziato nucleare tedesco Wolfgang Müller ha affermato che i rischi principali derivano dai paesi vicini. “Potrebbero esserci incidenti minori durante la disattivazione [dei reattori tedeschi], ma non porterebbero a rilasci su vasta scala. Ma incidenti potrebbero capitare in Belgio, Francia, Svizzera, Repubblica Ceca e Svezia. Se succede qualcosa, dobbiamo poter proteggere anche la popolazione tedesca “, ha detto. Müller era a capo della Commissione per la radioprotezione al momento dell’incidente di Fukushima.

La preoccupazione per le radiazioni non è nuova, ma l’interesse è aumentato a causa di un recente incidente in Russia che ha rilasciato radiazioni. Dopo l’incidente sono stati rilevati aumenti di radiazioni in Norvegia. Le circostanze dell’incidente dell’8 agosto verificatesi durante un test missilistico non sono state completamente spiegate.

Il successo della serie televisiva HBO Chernobyl, sull’incidente del 1986 nell’Ucraina settentrionale, che ha portato all’abbandono di una città e alla creazione di una zona di esclusione, ha anche riacceso i riflettori sulla sicurezza nucleare. Si stima che circa dalle 4.000 alle 16.000 persone siano morte a causa dell’esposizione alle radiazioni dell’incidente.

Le persone sia in Germania che in Austria hanno un atteggiamento negativo nei confronti dell’energia nucleare. Dopo l’incidente di Fukishima ci furono nuove proteste che chiedevano la chiusura delle centrali nucleari ceche.

Due anni fa, la regione tedesca di Aquisgrana ha rilasciato compresse di iodio a tutti i residenti di età inferiore ai 45 anni, a causa della vicinanza alla centrale nucleare belga Tihange. La mossa è arrivata dopo che 50.000 persone hanno protestato chiedendo la chiusura dell’impianto, che è operativo dal 1975. I critici all’epoca chiamavano la mossa spavalderia.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: