Manfrotto, arriva la “pagella” per i lavoratori

manfrottoI dati sulla disoccupazione, la riforma dell’articolo 18, il contratto a tutele crescenti, lo scontro politico sul Jobs Act e tanto altro: il lavoro è sempre un tema caldo. E mentre si discute se le nuove norme per i licenziamenti favoriranno o meno le assunzioni, a Cassola (in provincia di Vicenza) la Manfrotto, dopo un anno di sperimentazione, ha dato vita ad un particolare sistema di valutazione dei dipendenti.

Il metodo, al momento applicato su quattrocento lavoratori tra dirigenti, quadri e impiegati che hanno seguito un apposito percorso di formazione di 1600 ore, è frutto dell’accordo integrativo firmato nel 2013 tra la Fim-Cisl e l’azienda che produce accessori per la fotografia e i video, appartenente alla multinazionale inglese Vitec Group Imaging Division.

Alla base del processo di valutazione ci sono, da un lato, gli obiettivi personali assegnati a ciascun lavoratore e, dall’altro, alcuni parametri comportamentali: dalla leadership alla qualità del lavoro, passando per l’orientamento al risultato, la sensibilità commerciale e l’innovazione. Il sistema di valutazione, validato scientificamente dall’Università degli Studi di Pisa, si avvale di un programma informatico che associa a ciascun lavoratore un livello di giudizio

I lavoratori che avranno giudizi eccellenti riceveranno un aumento di stipendio che potrà raggiungere il 10%. Il premio può arrivare anche al 12% per coloro che appartengono alle aree che l’azienda, in un determinato anno, ritiene strategiche. Il metodo di valutazione è piaciuto al gruppo proprietario della Manfrotto, che lo ha esportato in tutti i Paesi in cui opera traducendolo anche in francese, tedesco, giapponese e cinese.

(Fonte dell’immagine: Thomas Hawk)

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: