fbpx

Roma tre, Laurea Honoris Causa al maestro Mimmo Cuticchio

L’università di Roma Tre, nella giornata del 16 novembre ha conferito il riconoscimento di Laurea Honoris Causa in Teatro, Musica e Danza al maestro siciliano Mimmo Cuticchio.

<img src="topinfo_bg.png" role="presentation"alt=Laurea Honoris Causa. ">

 

Nell’ambito delle celebrazioni per il trentennale di Roma Tre la giornata del 16 novembre è stata una giornata particolare per Mimmo Cuticchio, importante erede della tradizione dei cuntisti (cantastorie) siciliani e dell’Opera dei Pupi che ad oggi rientra tra i Patrimoni orali e immateriali dell’umanità dell’ Unesco.

Il maestro nasce come figlio d’arte del puparo Giacomo Cuticchio, colui che gli ha trasmesso questa passione, instradandolo in quel mestiere che lo ha reso uno tra i maestri indiscussi del teatro contemporaneo.

“Sono 50 anni che ho aperto il mio teatro, e prima avevo fatto 25 anni di apprendistato con mio padre, questo vuol dire che mi ha seguito e conosciuto tanta gente. Poi tramite la professoressa Venturini, ho saputo che tanti professori si erano interessati alla mia arte e così oggi mi è arrivata questa sorpresa”.

L’università di RomaTre conferendo questa onorificenza di Laurea Honoris Causa in Teatro, Musica e Danza al maestro dell’arte dei pupi siciliani, ha voluto sottolineare l’importanza di come queste tradizioni antiche abbiano bisogno di una maggiore visibilità e diffusione della loro conoscenza.

Il magnifico Rettore, Massimiliano Fiorucci così si è espresso:

“Le arti antiche come questa non vanno abbandonate, ma vanno rinnovate ed è questo il ruolo fondamentale di Mimmo Cuticchio”; “E’ un riconoscimento a uno straordinario percorso di lavoro popolare, che ha fatto conoscere in Italia e nel mondo questa tradizione antica innovandola continuamente. Racconta di noi, della vita e dei sentimenti, degli amori e dei tradimenti”.

Tra le persone presenti alla cerimonia vi erano anche la figlia del Presidente della Repubblica, Laura Mattarella e il portavoce del Quirinale, Giovanni Grasso.

Un’ulteriore soddisfazione e riconoscimento per l’artista lo si ritrova nella mostra fotografica inaugurata al termine della cerimonia presso il foyer dell’Aula Magna.

‘Fare i Pupi – il Maestro Mimmo Cuticchio all’opera’

La mostra è stata realizzata da Dilio Lambertini che ha raccolto all’in circa 90 scatti, raccontando tutto il processo della costruzione dei Pupi.

Sarà possibile visitarla fino al 25 novembre, dal lunedì al venerdì dalle ore 8:30 alle ore 18:00. Sabato e domenica chiuso. Presso il foyer dell’Aula Magna di Lettere nell’Università degli Studi Roma Tre in Via Ostiense 234/236 – 00146 Roma.

“Questa mostra nasce un po’ di anni fa. Il mio intento era di riuscire a ricreare quell’atmosfera da mondo delle meraviglie, che allora mi aveva colpito.”

“il racconto rappresenta loro che costruiscono questi pupi per uno spettacolo che si chiama ‘O a Palermo o all’inferno’, sulla spedizione dei Mille di Garibaldi. Il pregio di Mimmo è quello di non aver fatto morire il teatro dei pupi, che aveva perso tutto il pubblico popolare, e quindi questa mostra vuole essere un omaggio alla sua arte”.

Così si è espresso il fotografo Dilio Lambertini.

A seguire per Voi alcuni scatti della mostra fotografica.

 

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: