Intossicazione da Botulino, 5 casi a Roma

panino-imbottito

Si sono sentite male dopo aver mangiato panini con salame marchigiano. Si trovavano al Pigneto. Le cinque persone non si conoscevano ma tutte hanno presentato gli stessi sintomi. Le analisi effettuate hanno riscontrato per tutti i medesimi risultati: Botulino.

Il Botulino è un batterio che può contaminare gli alimenti rendendoli particolarmente pericolosi per la salute umana. L’ingestione di questi cibi provoca un’intossicazione alimentare grave, nota come botulismo con un quadro clinico ben noto. Ci sono fasi specifiche: incubazione 12/48 ore, Nausea/vomito/diarrea/dolori muscolari/secchezza della bocca, naso con difficoltà nel deglutire/alterazioni visive. La rapida degenerazione può portare alla paralisi respiratoria fino alla morte.

fl_lazio_dar-ciriola

Il resoconto di quanto accaduto  a Roma parla di ben cinque persone avvelenate, i cui sintomi manifestati nelle tempistiche sopra riportate li hanno portati al ricovero d’urgenza negli ospedali della Capitale. Il cibo incriminato è il  ciauscolo, salame marchigiano.

I fatti risalgono allo scorso  4 novembre, presso il locale Dar Ciriola a via Pausania. Dopo un’ispezione sia dei Nas che della Asl  il locale è rimasto aperto perché l’accaduto non è riconducibile ad una cattiva conservazione o lavorazione del prodotto, sia il locale sia i prodotti rispettano le normative igieniche vigenti, ma tutto è probabilmente addebitabile ai produttori verso i quali si è spostata l’indagine. Sono state bloccate le consegne ed approvvigionamenti  della fabbrica Marchigiana.

Il ricovero d’urgenza ha interessato tutti e cinque i consumatori, che però hanno avuto un decorso più veloce rispetto ad Adolfo Bussone, 29 anni, farmacista, che versa tutt’ora in stato d’osservazione presso l’ospedale San giovanni Addolorata. La prognosi è di 3 mesi, il suo sistema nervoso è stato intaccato e rischia di perdere l’occhio sinistro.

Dar Ciriola è presente anche in un altro punto vendita a piazza Buenos Aires

su Facebook, gli stessi proprietari si sono così espressi:  “Leggendo il giornale di oggi ci dispiace moltissimo per l’accaduto e siamo vicini alle persone coinvolte.
Le autorità competenti stanno indagando sul caso e noi fiduciosi stiamo aspettando, sicuri che il nostro lavoro è sempre coerente con la normativa vigente.
Dopo i controlli che hanno effettuato ieri presso il locale, hanno verificato che sia il locale sia i prodotti rispettano le normative igieniche vigenti e stanno indagando su alcuni fornitori.
Il locale è aperto regolarmente e noi, come voi, siamo amareggiati e vicini alle persone coinvolte.
” [https://www.facebook.com/darCiriola/?fref=ts]

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: