Ilaria Cucchi contro i Pinguini Estensi: “Lo stato ci protegga”

Ve ne abbiamo parlato nelle scorse settimane della politica italiana che sta abbandonando per la prima volta i partiti e che si riunisce in movimenti di protesta. Vi abbiamo raccontato delle Sardine, delle piazze piene a Bologna e Modena, della mission di questi ragazzi. E così, mentre le Sardine riempiono Piazza San Giovanni a Roma, e Matteo Salvini lancia ironicamente il Movimento dei Gattini, qualcuno crea il gruppo de “I Pinguini“. Questi hanno lo scopo di fermare le Sardine e di mostrare, senza tanti giri di parole, che anche la destra italiana ha una forte rappresentanza popolare. Ma come si legge dal manifesto resta, proprio come le Sardine, un movimento apartitico ma non apolitico che “Di sicuro non canterà “Bella Ciao” ma nemmeno “Faccetta Nera” .

DAI PINGUINI AI PINGUINI ESTENSI

“Il gruppo de I Pinguini nasce da persone che hanno idea di un’ Italia sovranista, partecipe della Comunità Europea ma non succube e, tantomeno, dipendente nelle scelte politiche interne: esattamente il contrario di come opera l’attuale governo” si può leggere sul sito dedicato al movimento. “Il 6 Dicembre 2019 Facebook ha chiuso la pagina de i Pinguini che contava oltre 170.000 iscritti. Nessuno ci può tappare la bocca.” continuano. Infatti, uno degli obiettivi principali dei Pinguini, proprio per raggiungere un grande numero di partecipanti, è quello di svilupparsi con gruppi social città per città. Infatti, troviamo diversi gruppi cittadini legati allo stesso movimento.

Tra questi, uno su tutti (non riconosciuto dal gruppo nazionale), sta facendo discutere molto per la propensione ad individuare personaggi (spesso legati al mondo della sinistra) e metterli alla gogna per fatti a loro appartenenti. Parliamo dei Pinguini Estensi, gruppo della Città di Ferrara, e che ha come fondatori e moderatori molti degli esponenti della Lega Ferrarese. Tra le vittime di insulti e minacce troviamo, oltre a personaggi noti della sinistra italiana come D’Alema, Prodi e Laura Boldrini, anche il Presidente Della Repubblica Sergio Mattarella e la sorella di Stefano Cucchi, Ilaria Cucchi.

LE PESANTI ACCUSE DI ILARIA CUCCHI AI PINGUINI ESTENSI

L’Avv. Fabio Anselmo, compagno di Ilaria e legale della famiglia Cucchi, come sopra illustrato ha pubblicato un post sulla sua pagina Facebook dove comunica di aver “provveduto a denunciare il gruppo Facebook I Pinguini Estensi per Associazione a Delinquere, istigazione a delinquere aggravata, apologia di reato aggravata e diffamazione aggravata”. La Denuncia depositata accusa 48 commentatori di diffamazione aggravata e i 9 amministratori e moderatori del gruppo, oltre che di concorso in diffamazione, anche di istigazione a delinquere, apologia di reato aggravati e associazione per delinquere.

Accuse molto pesanti, a cui gli amministratori hanno risposto prima sospendendo la pagina per qualche ora per ripulirla da tutti i post violenti, poi invitando tutti a rimanere civili poichè “La maleducazione di qualcuno ci ha causato non pochi problemi, per cui considerando che ci controllano dall’interno, vi chiedo di attenervi al regolamento ed anche all’educazione che presumo vi abbiano impartito!” scrive una delle amministatrici.

Ilaria Cucchi ha poi aggiunto sui social: “I Pinguini Estensi hanno costituito un gruppo Facebook con migliaia di partecipanti organizzato soprattutto al fine di lanciare offese ed auguri di morte di ogni genere e tipo a me, i miei genitori, il mio compagno e Stefano. L’organizzazione e le modalità delle loro condotte criminali fanno paura. Cariche di amministratori, titoli e ruoli “meritori”, distribuiti all’interno del gruppo ben organizzato, in funzione della efficacia e violenza delle offese sparate sulla pagina Facebook contro di noi ma anche contro altri. Persino contro il Presidente Mattarella. Una campagna di odio che fa paura. Non può in alcun modo essere sminuita o tollerata. Chi lo fa, nonostante tutto, se ne deve assumere le conseguenze. Lo Stato non ha protetto Stefano come sarebbe stato suo dovere fare. Ora, per favore, protegga noi.”

I PINGUINI NAZIONALI DISCONOSCONO I PINGUINI ESTENSI

Dalle pagine del sito locale Estense.com , il movimento dei Pinguini Nazionali, prende le distanze da quanto accaduto sul gruppo dei Pinguini Estensi, affermando che lo stesso non è riconosciuto (come invece tanti altri) dal gruppo nazionale e quindi non è in nessun modo legato al loro movimento. Il Portavoce del gruppo nazionale, Potito Perruggini, ha anche invitato gli organi di stampa a “citare correttamente le parti in causa, soprattutto in titoli che possono risultare fuorvianti”.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: