Il nuovo Spot della Renault che ha fatto scalpore, amore senza genere

L‘amore può vincere su tutto. Un viaggio raccontato attraverso le immagini di un’amicizia nata sin da bambini che cresce e si trasforma nel tempo. Un racconto animato da spostamenti su una Renault  Clio I serie,  che fa da spettatrice agli eventi che circondano la vita di una famiglia. La crescita, l’invecchiamento dei protagonisti, il cambiare nel corpo e nell’anima, ma sopratutto nel cuore. Una presa di coscienza del se, che passa attraverso il dolore, attraverso scelte evidentemente sbagliate, ma imposte dalle convenzioni.

Una nuova Clio testimone di cambiamenti nella vita di due e più persone. Uno spot che è un racconto. Una poesia in fotogrammi, tra cassette audio e vacanze con i genitori, tra festeggiamenti di un matrimonio e un amore disperato che seppure espresso rimane tarpato. Poi il  cambiamento, una metamorfosi della vita e della mentalità di un’intera generazione, l’accettazione e l’amore che finalmente può essere espresso. Immagini che valgono più di tante parole. Le protagoniste sono due ragazze, come due Clio, quella del 1990 e quella del 2019.

L’Amicizia che cresce tra le due ragazze e che si trasforma in amore è bellissima, originale e coraggiosa.  Come quest’amore si riesce a trasformare, ha un tocco di grande sensibilità. Trapelano il timore, la paura della non accettazione, e di tutte le paure del mondo circostante fino alla negazione dell’amore. Poi c’è il ritorno e il lieto fine, senza drammaticità (per fortuna). Toccante lo strazio del padre verso la figlia impotente davanti all’evidenza, ma altrettanto toccante la conclusione piena di abbracci nella stessa  famiglia.

Fossero tutte così le storie di due ragazze lesbiche che si amano, la nostra società sarebbe o potrebbe essere diversa. Renault stavolta insegna l’amore. 

Il sito Gay.it e tanti personaggi pubblici di spicco stanno spingendo perché la Renault invii tale spot per la trasmissione sulle TV italiane. Una pubblicità si, ma ben celata in un messaggio sociale assai più importante. Accettare e condividere l’amore. Riconoscere un’unione è il primo passo verso una società che può accettare tante cose, tante persone differenti da come siamo stati abituati a considerare i nostri riferimenti.

Certi stereotipi ci sono stati inculcati nella mente, anche involontariamente, perché così è sempre stato, perché così deve essere, senza riuscire a pensare che ci può essere chi la pensa diversamente e così ama diversamente. Certe cose non possono e non devono essere imposte, sopratutto in amore.

 

Ci vuole coraggio

La casa automobilistica francese ha voluto festeggiare i trent’anni della Clio con una pubblicità dedicata all amore LGBT.

colonna sonora a questa storia d’amore che passa barriere nel tempo è la musica degli Oasis, con il brano  Wonderwall.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: