Il Barca frena e il Real ne approfitta

Dopo il continuo botta e risposta tra Barcellona e Real Madrid avvenuto nelle ultime giornate, i blaugrana compiono un mezzo passo falso sul sempre complicato campo di Siviglia e vengono raggiunti in testa alla classifica dai blancos guidati da mister Zinedine Zidane, i quali approfittano del pareggio dei rivali vincendo in trasferta contro la Real Sociedad per 2 a 1.

Appaiati dunque ora entrambi i club a quota 65 punti, la squadra della capitale può vantare il vantaggio negli scontri diretti. Pertanto, qualora la situazione di classifica non dovesse più cambiare da ora alla fine del campionato, i galacticos si aggiudicherebbero il titolo.

È questo senza dubbio un caso molto raro ma, mancando ormai soltanto 8 giornate alla conclusione ed essendo stato chiaro durante l’intero arco della stagione che le due squadre tendono ad equivalersi su ogni valore, quella della parità di punti non appare essere, ad oggi, un’eventualità così poco probabile.

Iniziando dallo 0 a 0 tra Siviglia e Barcellona, gli uomini di Quique Setien hanno dominato, come da tradizione, dal punto di vista del possesso palla, raggiungendo addirittura il 68 per cento conclusivo. Tuttavia il predominio sulla sfera di gioco non ha scardinato questa volta la difesa avversaria. Anzi, secondo le statistiche ufficiali e a dispetto di quanto visto in campo, le due squadre hanno accumulato lo stesso numero di conclusioni in porta, a riprova del fatto che talvolta il gioco rapido e verticale può avere gli stessi effetti del frustrante tiki-taka imposto dai catalani.

Forse un po’ stanco a causa delle numerose partite disputate a distanza di pochissimo giorni l’una dall’altra, il Barcellona si è dimostrato leggermente meno lucido rispetto agli impegni precedenti, e nemmeno l’inserimento nel secondo tempo di giocatori del calibro di Arthur e Griezmann hanno fornito lo scossone di cui la squadra aveva bisogno.

Cogliendo al volo l’assist servitogli dal Siviglia, il Real stende di misura la Sociedad grazie al rigore firmato da Sergio Ramos e al raddoppio messo a segno da Benzema, che segna il terzo gol settimanale dopo la doppietta rifilata al Valencia.

Ad accorciare le distanze a pochi minuti dal termine ci ha pensato il giovane spagnolo Mikel Merino, uno dei prospetti più interessanti per le “Furie Rosse” del prossimo futuro.

La giornata appena trascorsa risulta sicuramente un’ottima iniezione di fiducia per i blancos, i quali possono permettersi, dopo tanto tempo, di non pensare più con eccessiva attenzione ai risultati del Barca, essendo essi ora i padroni del proprio destino.

Al contrario i blaugrana, nonostante un pareggio a Siviglia non sia mai da buttar via, avranno d’ora in poi un po’ più di pressione sulle spalle, avendo ormai a disposizione un margine di errore quasi nullo.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: