Trump cerca un accordo col Guatemala per “smaltire” il numero di migranti messicani

guatemala

Il presidente Trump e il presidente guatemalteco Jimmy Morales dovrebbero firmare un accordo che richiederebbe ai richiedenti asilo che transitano attraverso il Guatemala di richiedere asilo in quel paese anziché negli Stati Uniti, secondo tre fonti informate sui negoziati.
L ‘”accordo sicuro per i paesi terzi” è uno dei modi in cui Trump spera di arginare il flusso di migranti dall’America centrale agli Stati Uniti, ma i critici sostengono che il Guatemala non è abbastanza sicuro per i richiedenti asilo e non ha la capacità di processare cosi tante persone.

I due leader si incontreranno alla Casa Bianca e “discuteranno dei modi per creare una relazione più solida incentrata sull’affrontare le priorità in materia di migrazione e sicurezza“, ha affermato il segretario della Casa Bianca Stephanie Grisham in una nota.

L’accordo non è ancora finalizzato, secondo due delle fonti, che hanno descritto le cose come vicine ma ancora in flusso. Lo stesso Trump ha ripetutamente promesso che un accordo è vicino alla fine.
Il Guatemala sta per firmare un terzo accordo sicuro“, ha detto Trump ai giornalisti il ​​5 luglio. Ha twittato che il paese si stava “preparando a firmare” un accordo il 17 giugno.

Questo incontro potrebbe essere un cambiamento fondamentale nel modo in cui gli Stati Uniti trattano i casi di asilo.
I migranti che entrano negli Stati Uniti possono richiedere asilo se subiscono persecuzioni o temono persecuzioni a causa della loro razza, religione, nazionalità, credo politico o appartenenza a un particolare gruppo sociale. Un giudice determina se un migrante soddisfa o meno tali requisiti, ma esiste un enorme arretrato nei casi di elaborazione.

L’amministrazione Trump ha limitato chi può presentare richiesta di asilo e ha tentato di impedire a chiunque si fosse illegalmente introdotto negli Stati Uniti di richiedere asilo, una politica attualmente detenuta presso un tribunale federale.
L’amministrazione ha anche iniziato a deportare i richiedenti asilo in Messico mentre i loro casi sono aspettano di essere giudicati, con almeno 13.000 migranti che aspettavano una risposta. La politica è stata fermata da un giudice federale in aprile, ma una corte superiore ha revocato l’ingiunzione a giugno mentre il caso continua a procede.

guatemala

I gruppi per i diritti dei migranti e gli analisti dell’America Latina hanno fatto saltare un accordo sicuro con il Guatemala, dicendo che l’amministrazione sta infrangendo la legge, chiudendo le porte ai migranti che fuggono dalla violenza e dalla povertà in America centrale e intrappolandoli in quelle circostanze pericolose.

Se firmato, questo accordo sarebbe un’eccezionale violazione della legge e della decenza comune”, ha dichiarato Eric Schwartz, presidente di Refugees International. “Gli individui costretti a vivere in Guatemala costituirebbero un gruppo sociale particolarmente vulnerabile soggetto a gravi rischi per mano di bande e altri elementi criminali: questo accordo è vergognoso e macchiato dell’onore di questa nazione“.

Il Dipartimento di Stato ha rifiutato di commentare qualsiasi accordo, con un portavoce del suo ufficio per gli affari dell’emisfero occidentale che ha riferito a ABC News: “Non discutiamo di deliberazioni interne e interagenzie … Non commenteremo alcuna discussione con il Guatemala su questo argomento. “

Il mese scorso, il vice segretario alla sicurezza nazionale, Kevin McAleenan, si è recato in Guatemala per negoziare un accordo del genere. Ma i colloqui si sono fermati quando i funzionari guatemaltechi si sono resi conto che gli Stati Uniti chiedevano asilo ai richiedenti asilo in Guatemala, invece di rimandarli in Guatemala quando le loro richieste di asilo negli Stati Uniti vengono giudicate – analogamente all’attuale accordo con il Messico.
In particolare, i critici sostengono che il Guatemala non ha le infrastrutture legali e fisiche per elaborare i casi di asilo e non è abbastanza sicuro per i migranti che vivono lì invece che nei loro paesi d’origine, come il vicino El Salvador e l’Honduras.

Il mese scorso, tre alti democratici della Camera hanno scritto a McAleenan e al Segretario di Stato Mike Pompeo per sollecitare l’amministrazione a interrompere qualsiasi negoziato su un accordo, con il Guatemala o il Messico. Il Messico ha ripetutamente respinto le richieste dell’amministrazione di firmare un accordo simile, anche quando Trump minacciava di aumentare le tariffe sui prodotti messicani.

Poiché il Messico e il Guatemala non soddisfano i requisiti per gli accordi di paesi terzi sicuri ai sensi dell’Immigration and Nationality Act, il Presidente non ha l’autorità legale per procedere con questi negoziati“, ha scritto il presidente della commissione Affari esteri Eliot Engel, presidente della commissione giudiziaria Jerrold Nadler, e il presidente della commissione per la sicurezza interna, Bennie Thompson.
Anche in Guatemala è controverso un potenziale accordo di paesi terzi sicuro, in cui vi sono sforzi per fermarlo. Sotto inchiesta per corruzione, il presidente Morales è a tempo determinato e sarà fuori sede dopo le elezioni in corso. Ha ordinato l’espulsione di un organismo investigativo sponsorizzato dalle Nazioni Unite, finanziato dagli Stati Uniti, incaricato di sradicare la corruzione e già cercato di ingraziarsi favorevolmente Trump trasferendo l’ambasciata del Guatemala in Israele a Gerusalemme.

Con le voci di un accordo vorticoso, un gruppo di ex ministri degli esteri ha presentato petizioni alla più alta corte del Guatemala all’inizio di questa settimana per decidere che Morales non ha l’autorità per firmare un accordo.

Se Morales firmasse, il Guatemala sarebbe “diventato una diga di sogni, angosce e sofferenze umane“, ha detto il comitato esecutivo di Vision with Values, un partito politico di opposizione, il cui leader era un predecessore per succedere a Morales finché non gli è stato impedito di correre.

Sapendo che lo stato non è stato in grado di fornire le condizioni minime per una vita decente alla stragrande maggioranza dei guatemaltechi, firmare un accordo di questa portata potrebbe portare a una crisi umanitaria di proporzioni inimmaginabili“, ha aggiunto il partito nella sua dichiarazione.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: