L’UE dice all’Australia di non usare i nomi “feta” e “groviera” per il formaggio da loro prodotto

formaggio

A prima vista, i blocchi di feta prodotti in Australia o in Grecia non sono così diversi. Ma per l’Unione europea lo sono. Martedì il ministero degli scambi australiano ha pubblicato un elenco di 408 prodotti (172 alimenti e 236 alcolici) che l’UE vuole proteggere come indicazioni geografiche (IGP) come parte di un accordo commerciale tra le due parti.

Tra questi: Feta, Gruyere, Manchego, Bleu d’Auvergne, Cantal, Gorgonzola, Roquefort, Nurnberger Bratwurste e Scotch beef.

Un’enorme opportunità

Martedì mattina il ministro del commercio Simon Birmingham ha dichiarato alla televisione della ABC che al paese “non piace l’idea di indicazioni geografiche, ma questo è un elemento non negoziabile dell’Unione europea“.

In una dichiarazione, ha affermato che la consultazione del governo con gli agricoltori “ci aiuterà a comprendere meglio le opinioni dell’industria australiana, che ci aiuterà nelle discussioni in corso con l’UE sul motivo per cui in alcuni casi la loro protezione richiesta di determinati termini non sarà accettabile.

Ha aggiunto tuttavia che “ci sono enormi opportunità per gli agricoltori e le imprese australiane se possiamo migliorare il loro accesso ai mercati in tutta l’UE” poiché il Vecchio Continente “vanta oltre 500 milioni di consumatori“. Ha poi sottolineato che “alla fine, faremo questo accordo solo se nel complesso è nell’interesse dell’Australia farlo“.

Cosa c’è nel nome di un formaggio?

Le IGP certificano che un prodotto è stato realizzato in un luogo di origine specifico in base a determinati requisiti di qualità.

Questo segno di qualità – che può richiedere fino a quattro anni per essere acquisito nell’UE – consente ai produttori di commercializzare i loro prodotti come premium e proteggerli da altri produttori usando il nome ma non rispettando i requisiti necessari.

Gli esempi più famosi includono prosciutto di Parma, formaggio feta e champagne. Nelle navate dei supermercati europei, non è raro vedere Feta accanto a “insalata di formaggio” dall’aspetto identico e bottiglie di Champagne sullo stesso scaffale del “vino spumante” di altri Stati membri.

Il vino, che è stato oggetto del suo accordo tra l’Australia e l’UE anni fa, non è preoccupato e l’elenco consente un certo margine di manovra su alcuni articoli. I casari australiani saranno ancora in grado di produrre camembert e brie – conosciuti in tutto il mondo come francesi – poiché le IG europee sono per “Camembert de Normandie” e “Brie de Meaux”.

Termina l’ipocrisia

Ma gli agricoltori australiani si sentono ancora derubati.

Tony Mahar, CEO della National Farmer’s Federation, ha dichiarato che “gli agricoltori australiani andranno peggio se il governo alla fine accettasse le richieste dell’UE di estendere la protezione delle indicazioni geografiche al cibo e ad altri vini e alcolici“.

Se l’UE crede veramente nel commercio e nei mercati aperti, allora è il momento di porre fine all’ipocrisia e rimuovere le barriere che bloccano le importazioni agricole australiane“, ha aggiunto in una nota.

L’Australia si è classificata come il 18 ° più grande partner commerciale di merci dell’UE, mentre il blocco rappresentava il secondo partner commerciale dell’Australia dopo la Cina nel 2017, secondo la Commissione europea.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: