Expo 2015: la Carta di Milano per il diritto al cibo

carta di milanoExpo 2015 è iniziato da meno di un mese, ma in tanti si chiedono quale sarà l’eredità dell’Esposizione Universale milanese. Le risposte sono nella Carta di Milano, un documento nato in seguito ad un ampio dibattito che invita le associazioni, le imprese, le istituzioni ed i singoli cittadini ad assumersi responsabilità che permettano alle generazioni future di poter contare sul diritto al cibo.

Nel preambolo della Carta “il mancato accesso a cibo sano, sufficiente e nutriente, acqua pulita ed energia” viene definito “una violazione della dignità umana”. Tra gli obiettivi del documento vi è anche quello di sollecitare decisioni politiche che favoriscano l’obiettivo “di garantire un equo accesso al cibo per tutti”.

Il cibo, secondo i firmatari della Carta di Milano, ha una forte valenza sociale e culurale e non può diventare uno strumento di pressione politica e economica. Tutti hanno diritto ad accedere ad una quantità sufficiente di cibo sano, sicuro e nutriente. Allo stesso modo è un diritto di tutti l’accesso a fonti di energia pulita. Inoltre, le risorse del pianeta devono essere “gestite in modo equo, razionale ed efficiente affinché non siano sfruttate in modo eccessivo e non avvantaggino alcuni a svantaggio di altri”.

Tra i principi della Carta c’è la convinzione che tutti sono responsabili della custodia della terra e che una corretta educazione alimentare sia importante per uno stile di vita sano e una qualità della vita migliore. “Per far fronte in modo sostenibile alle sfide alimentari future – si legge nel documento – è indispensabile adottare un approccio sistemico attento ai problemi sociali, culturali, economici e ambientali e che coinvolga tutti gli attori sociali e istituzionali”.

Consumare il cibo soltanto nelle quantità necessarie al fabbisogno, evitare di sprecare acqua e promuovere in ambito familiare l’educazione alimentare ed ambientale sono alcuni degli impegni messi nero su bianco. È possibile firmare la Carta di Milano all’interno del Padiglione Italia di Expo 2015 oppure attraverso il sito internet carta.milano.it/it.

(Fonte dell’immagine: marco_pozzo)

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: