Deceit: un buon modo per passare il tempo con altri 5 amici

deceit

Se ormai Fortnite è diventata una vera e propria icona pop e Call of Duty: Warzone è il titolo del momento, a dir poco esploso durante le prime settimane di lockdown, Deceit è un’alternativa efficace a tutti e due. Sopratutto se non si gradiscono i battle royale, genere che sta dominando in maniera praticamente incontrastata il mercato, Steam offre una soluzione.

Deceit è un gioco difficile da definire, innanzitutto però è doveroso segnalare che purtroppo per il momento è disponibile solo per Pc, tramite la suddetta piattaforma Steam. Quindi niente per chi possiede una console e non un Pc, Deceit non è scaricabile né per XBoxOne né per PlayStation4. La buona notizia è che è del tutto gratuito per tutti gli utenti di Steam.

Infatti, nonostante fosse partito come progetto a pagamento, le scarse vendite hanno spinto gli sviluppatori a rendere Deceit un gioco free-to-play, ossia scaricabile da tutti senza necessità di transazioni e neanche di inserire su Steam una carta di credito. Basta solo avere Steam sul proprio Pc, cercare nel negozio Deceit e scaricarlo.

Purtroppo questo per qualche motivo è servito a poco in termini di tentativi di risollevare la popolarità del gioco: nonostante goda di recensioni altissime su Steam, la community italiana è estremamente ristretta ed è difficilissimo incontrare altri giocatori online che parlino la nostra lingua. Per questo per giocare a Deceit è meglio essere organizzare.

Chi scrive è riuscito nella sera di ieri 29 maggio 20 a ritrovarsi davanti al Pc con altri cinque amici e formare un gruppo di gioco completo. Ma in cosa consiste Deceit? Sostanzialmente una via di mezzo tra un gioco horror dove bisogna fuggire, come Dead by Daylight e uno giallo, come Cluedo. Non tutti tra i tuoi amici lo sono davvero. Due di loro nascondono un segreto.

Sono infettati da una misteriosa malattia e il loro obiettivo è eliminare gli altri quattro giocatori prima che trovino tutti i fusibili per dare corrente al portone o alla botola che consente di fuggire. L’arena di gioco è illuminata ma periodicamente si spegne per circa 90 secondi. In quel caso gli infetti si possono “trasformare” diventando aggressivi e più agili, per attaccare gli altri giocatori.

Per farlo, salvo che nell’ultimo blackout, devono aver bevuto quattro sangue di sangue, che si trovano lungo il corso della mappa (è pur sempre un gioco a tema horror). Può farlo sia con la luce sia con il buio. Nel primo caso però il suo nome e la sua posizione compaiono sullo schermo dei giocatori “innocenti”, proprio in quel momento potrebbe essere scoperto.

Qualora uno dei giocatori sani nutrisse un sospetto su un altro, oppure se uno dei due infetti volesse sviare i sospetti, dovrà colpire il sospettato con un’arma da fuoco o un’arma bianca. Per far sì che questo muoia però occorre che avvenga una votazione dove almeno tre giocatori (oltre a chi ha atterrato il sospetto) siano d’accordo. Altrimenti il giocatore riprende a muoversi dopo circa un minuto.

Gli infetti sanno tra di loro chi sono e possono parlare con una chat riservata che si attiva con il tasto V della tastiera, mentre su quella generale, dove parlano infetti e innocenti in maniera indifferenziata, per potervi accedere occorre tenere premuto il tasto ALT sinistro. Se si è su piattaforme di comunicazione come ad esempio Discord occorre quindi mutarsi per non alterare lo svolgimento del gioco.

Qualora non si fosse in gruppi di sei si può sempre tentare di riempire gli slot mancanti con altri giocatori trovati online. Sorgono però a questo punto i veri e propri problemi di Deceit. Innanzitutto i server sono sostanzialmente spopolati, quindi le attese per trovare uno o due giocatori possono essere estremamente  lunghe, oppure anche infruttuose.

In secondo luogo i server (pochi) popolati si trovano all’estero. Questo ci apre a due criticità: per giocare a Deceit occorrerà parlare in lingua straniera (senza interazione vocale si perde ogni intrattenimento), cosa complessa se non si ha buona padronanza e con una qualità audio rivedibile; i server stranieri sono più lontani, hanno quindi tempi di risposta maggiori e l’esperienza di gioco potrebbe risentirne.

Tutto sommato però il gioco non chiede nulla di che all’hardware del Pc, quindi Deceit può essere giocato anche sulle configurazioni più modeste. Decisamente consigliato.

Link: Download Steam

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: