Coronavirus, l’influencer che aveva leccato un gabinetto per una sfida sarebbe in ospedale

Coronavirus00

Un episodio a metà tra il grottesco e l’inquietante quello riguardante l’influencer Larz, noto tra gli adolescenti per essere uno dei principali utenti del social cinese Tik Tok. Qualche settimana fa si era cimentato in una discutibile “challenge”, ossia una sfida con gli altri utenti, che consisteva nel leccare oggetti in luoghi pubblici in barba alle norme di contenimento del Coronavirus (anche se non erano sotto quarantena, gli Stati Uniti avevano già imposto il distanziamento sociale).

Una challenge, chiamata appunto #CoronavirusChallenge lanciata da un’altra influencer altrettanto nota, Ava Louise, che aveva leccato il sedile di un aereo. Per Larz però il destino potrebbe aver avuto in serbo un brutto scherzo. Ha infatti affermato, tramite la sua pagina Twitter (l’account del 21enne è stato ora sospeso) di aver contratto il Coronavirus, risultando positivo al tampone.

Per il momento non è arrivata alcuna conferma ufficiale, anzi, proprio la Louise nelle sue storie Instagram sembrerebbe dire che questa malattia sia una messinscena. La Louise non è nuova a provocazioni (forse), ha di recente affermato di non è assolutamente intenzionata a modificare le sue abitudini di vita in vista della pandemia, che il problema non la tocca neanche lontanamente visto che il Coronavirus ucciderebbe soltanto le persone anziane. Come tocco finale, ha detto, sempre nelle sue storie Instagram, di essere stata ubriaca al momento dell’intervista.

Il comico inglese Piers Morgan ha riportato la notizia sul suo programma televisivo giornaliero, parlando di gravissimo senso di irresponsabilità da parte di giovani che hanno a disposizione un potere comunicativo incredibile, che potrebbe essere sfruttato certamente in tutt’altro modo.

Non è la prima volta che i social, ed in particolar modo Tik Tok, finiscono sotto accusa per queste challenge dal dubbio, se non dubbiosissimo gusto. A febbraio era esplosa su Tik Tok un’altra sfida, la #SaltChallenge, che consisteva nell’ingerire enormi quantità di sale tutte di un fiato. Nulla di dannoso per gli altri ma estremamente pericoloso per l’autore del gesto, che in poco tempo potrebbe finire in coma e in dialisi per via del gravissimo sforzo da parte dei reni.

Mentre in Italia Chiara Ferragni e Fedez mettono da parte milioni destinati al potenziamento della terapia intensiva del San Raffaele di Milano, nel tentativo di aiutare la Lombardia a fronteggiare meglio questa emergenza Coronavirus, altri influencer non sembrano ancora essere in grado della pericolosità dei loro gesti, che qualora si disponesse di un grande numero di followers, potrebbero essere imitati da innumerevoli ragazzi e ragazze.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: