Atene aumenterà le espulsioni dopo che Lesbo ha registrato il maggiore afflusso di migranti dal 2016

atene

Atene ha annunciato pattuglie di frontiera più rigorose, insieme a piani per spostare i richiedenti asilo dalle sue isole alla terraferma e accelerare le espulsioni nel tentativo di far fronte a un nuovo afflusso di migranti dalla Turchia.

Il Consiglio greco per gli affari esteri e la difesa si è riunito sabato per una sessione di emergenza dopo che oltre una dozzina di imbarcazioni che trasportavano circa 600 persone sono sbarcate al largo dell’isola greca di Lesbo giovedì.

È il più grande arrivo di migranti – per lo più famiglie afgane – in un solo giorno a Lesbo dal 2016.

Sabato scorso il governo greco ha affermato che le misure includono il rafforzamento dei controlli alle frontiere con l’agenzia di pattugliamento delle frontiere dell’Unione europea Frontex e la NATO, il trasferimento di richiedenti asilo sulla terraferma e l’identificazione di richiedenti asilo respinti che potrebbero essere rimasti nel paese.

Si vuole, inoltre, anche abbreviare il lungo processo di asilo del paese, che può richiedere diversi mesi, e rendere più facile la deportazione dei richiedenti in Turchia o nel loro paese di origine.

Il processo di asilo nel nostro paese è stato il più lungo, il più dispendioso in termini di tempo e, alla fine, il più inefficace in Europa“, ha detto alla televisione di Stato il vice ministro della protezione della Grecia responsabile della politica migratoria, Giorgos Koumoutsakos.

Rispondendo ai critici dell’opposizione che la mossa è stata ingiusta e illegale, ha detto: “L’asilo deve muoversi rapidamente in modo che coloro che hanno diritto alla protezione internazionale siano giustificati … e per noi sapere chi non dovrebbe rimanere in Grecia“.

Il governo era “determinato a portare avanti una solida politica di rimpatrio perché questo è ciò che la legge e il miglior interesse del paese impongono, in conformità con i diritti umani“, ha affermato.

La Grecia una volta era il principale punto di ingresso nell’Unione Europea per i migranti e i richiedenti asilo provenienti da paesi tra cui la Siria.

Tuttavia, dall’accordo del 2016 tra l’UE e la Turchia, il numero di migranti che arrivano sulle coste della Grecia è rapidamente diminuito.

Le chiusure dei confini attraverso i Balcani hanno provocato l’intrappolamento dei migranti in Grecia, causando il sovraffollamento nei campi di immigrazione.

La Grecia è stata messa a fuoco per le condizioni di vita nei campi da organizzazioni umanitarie, con alcune che operano al doppio della loro capacità.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: