fbpx

ARTEMIS, LA NASA TORNA SULLA LUNA

L’ambiziosa missione Artemis della Nasa è partita alle ore 7:47 di questa mattina, dalla Florida alla luna in una decina di giorni.

<img src="topinfo_bg.png" alt="">

Il razzo dello Space Launch System di Artemis 1 è la prima missione senza equipaggi del programma della Nasa diretto sull’orbita lunare. Dopo tre mesi di rinvii dalla data fissata originariamente per lo scorso 29 agosto questa mattina l’enorme razzo, uno dei più potenti mai costruiti, ha iniziato il suo viaggio verso la luna. Il conto alla rovescia si è completato alle ore 1:47 in Florida, 7:47 l’ora italiana.

Il 29 agosto scorso la NASA era stata costretta a rinunciare alla sua missione a causa di un problema tecnico nel sistema di rifornimento, ripresentatosi nel mese di settembre. Un successivo tentativo era stato operato nel mese di novembre, interrotto poi da una tempesta tropicale.

Dopo questi mesi di attesa Artemis rappresenta una delle missioni spaziali più importanti per la storia degli Stati Uniti e non solo. Questa missione riveste un ruolo di primo piano anche per la tecnologia italiana ed europea; infatti, a bordo vi si trova Argomoon, un nanosatellite a manifattura interamente italiana. Argomoon è stato realizzato dall’azienda Argotec di Torino, in collaborazione all’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

Il contributo dell’Italia non finisce qui, anche i pannelli fotovoltaici e le unità di controllo e distribuzione della potenza sono interamente di costruzione italiana, prodotti dall’azienda Leonardo, che contribuiranno a fornire energia per le varie funzioni della capsula.

Giovanni Fuggetta, Divisional Space Business di Leonardo afferma “Sarà un giorno che segnerà la storia dell’esplorazione spaziale. In quel momento vedremo riconosciuto lo sforzo di circa 50 ingegneri e tecnici di Leonardo che hanno realizzato ‘ali’ e unità elettroniche per l’alimentazione del modulo di servizio europeo di Orion”.

Orion è la capsula da trasporto sulla quale un domani verrà ospitato l’equipaggio. Questo lancio rappresenta il passo più vicino a riportare l’uomo sulla luna. L’ultima missione risale al dicembre del 1972 con la missione Apollo 17 che vide gli astronauti statunitensi Cernan e Schmitt essere gli ultimi uomini ad aver camminato sulla superfice lunare.

Se tutto andrà come previsto, Orion percorrerà il suo viaggio di ritorno verso la Terra percorrendo una traiettoria in senso contrario alla rotazione della Luna con ammaraggio nell’Oceano Pacifico, viaggio che durerà 25 giorni all’incirca.

La riuscita di questa missione e tutti gli importanti dati raccolti costituiranno la base di lancio per il tanto atteso ritorno dell’uomo sulla luna entro il 2025. Sono già previste altre due missioni di Artemis, una seconda che servirà a comprendere se i sistemi di Orion renderanno possibile la presenza dell’equipaggio e una terza che prevederà l’atterraggio della prima donna in assoluto sulla luna e del prossimo uomo.

Anche il nome di questa missione non rappresenta una casualità, Artemis è la dea della mitologia greca sorella gemella di Apollo, simbolo di auspicio di un ritorno sulla luna con il nuovo obiettivo di restarci.

 

Visita il link per poter assistere al lancio di Artemis: https://www.youtube.com/watch?v=CMLD0Lp0JBg&t=7s

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: