Amazzonia: numerosi incendi stanno distruggendo la più grande foresta del mondo

amazzonia

La foresta pluviale amazzonica del Brasile ha registrato un numero record di incendi quest’anno, suggeriscono nuovi dati delle agenzie spaziali.

Il National Institute for Space Research (Inpe) ha dichiarato che i suoi dati satellitari hanno mostrato un aumento dell’84% rispetto allo stesso periodo del 2018.

La più grande foresta pluviale del mondo, l’Amazzonia è un deposito di carbonio vitale che rallenta il ritmo del riscaldamento globale.

Ospita anche circa tre milioni di specie di piante e animali e un milione di indigeni.

I conservazionisti hanno incolpato Bolsonaro per la difficile situazione dell’Amazzonia, affermando che ha incoraggiato taglialegna e agricoltori a liberare la terra, e gli scienziati affermano che la foresta pluviale ha subito perdite a un ritmo accelerato da quando è entrato in carica a gennaio.

Nel frattempo, l’agenzia spaziale statunitense Nasa ha dichiarato che l’attività antincendio nel bacino dell’Amazzonia è stata leggermente inferiore alla media quest’anno.

L’agenzia ha affermato che mentre l’attività è aumentata in Amazonas e Rondonia, è diminuita negli stati di Mato Grosso e Pará.

In precedenza era stato riferito che un blackout lunedì nella città di San Paolo – a più di 2.700 km (1.700 miglia) di distanza – era stato causato dal fumo degli incendi dell’Amazzonia.

Ma alcuni meteorologi sostengono che il fumo provenisse dai grandi incendi che bruciavano in Paraguay, che è molto più vicino alla città e non nella regione amazzonica.

Perché ci sono incendi in Amazzonia?

Gli incendi si verificano spesso nella stagione secca in Brasile, ma sono anche stati deliberatamente avviati negli sforzi per deforestare illegalmente la terra per l’allevamento del bestiame.

L’Inpe ha dichiarato di aver rilevato oltre 74.000 incendi tra gennaio e agosto, il numero più alto da quando sono iniziati i record nel 2013. Ha dichiarato di aver osservato oltre 9.500 incendi boschivi da giovedì, principalmente nella regione amazzonica.

In confronto, ci sono stati poco più di 40.000 incendi nello stesso periodo del 2018, ha detto. Tuttavia, il peggior anno recente è stato il 2016, con oltre 68.000 incendi in quel periodo.

Le immagini satellitari mostravano lo stato più settentrionale del Brasile, Roraima, coperto di fumo scuro, mentre la vicina Amazonas ha dichiarato un’emergenza per gli incendi.

Bolsonaro ha cancellato gli ultimi dati, dicendo che era la “stagione della queimada“, quando gli agricoltori usano il fuoco per sgombrare la terra.

Più tardi sembrò suggerire che le organizzazioni non governative avevano dato fuoco, come vendetta per il suo governo che stava tagliando i loro finanziamenti. Non ha presentato prove e non ha dato nomi per sostenere questa teoria, dicendo che “non c’erano documenti scritti sui sospetti“.

Quindi, potrebbe esserci …, non lo sto affermando, un’azione criminale di queste” ONG “per attirare l’attenzione contro la mia persona, contro il governo del Brasile. Questa è la guerra che stiamo affrontando”, ha detto in un Facebook Live mercoledì.

L’Inpe ha osservato che il numero di incendi non era in linea con quelli normalmente riportati durante la stagione secca.

Non c’è nulla di anormale nel clima di quest’anno o nelle piogge nella regione amazzonica, che è solo un po ‘al di sotto della media“, ha detto a Reuters il ricercatore dell’ Inpe Alberto Setzer.

La stagione secca crea le condizioni favorevoli per l’uso e la diffusione del fuoco, ma accendere un fuoco è opera dell’uomo, deliberatamente o per caso“.

Ricardo Mello, capo del Programma Amazon del World Wide Fund for Nature (WWF), ha dichiarato che gli incendi sono “una conseguenza dell’aumento della deforestazione visto in cifre recenti“.

Perché Bolsonaro viene criticato?

Le notizie di un aumento degli incendi boschivi sono state criticate come causa delle politiche ambientali di Bolsonaro. Gli scienziati affermano che l’Amazzonia ha subito perdite a un ritmo accelerato da quando il presidente è entrato in carica a gennaio, con politiche che favoriscono lo sviluppo rispetto alla conservazione.

Nell’ultimo decennio, i governi precedenti erano riusciti a ridurre la deforestazione con l’azione delle agenzie federali e un sistema di multe. Ma Bolsonaro e i suoi ministri hanno criticato le sanzioni e vigilato su una caduta delle confische di legname e condanne per crimini ambientali.

Il mese scorso, il presidente di estrema destra ha accusato il direttore dell’Inpe di aver mentito sulla portata della deforestazione in Amazzonia e di aver tentato di minare il governo. L’accusa è arrivata dopo che Inpe ha pubblicato dati che mostrano un aumento dell’88% della deforestazione lì a giugno rispetto allo stesso mese di un anno fa.

Il direttore dell’agenzia in seguito annunciò che era stato licenziato.

L’Inpe ha precedentemente affermato che i suoi dati sono precisi al 95%. L’affidabilità dell’agenzia è stata anche difesa da diverse istituzioni scientifiche, tra cui l’Accademia delle Scienze brasiliana.

Nel frattempo sui social spopola nuovamente l’hashtag #ThereIsNoPlanetB, per povare a sensibilizzare più persone possibili.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: