Al via il progetto EDU 2022 farò cultura

All’università LUISS Guido Carli l’AIGU (Associazione Italiana Giovani per L’Unesco) ha presentato oggi il lancio del suo progetto per l’anno 2022: EDU Farò Cultura, un’iniziativa concentrata interamente sulla cultura e la formazione dei giovani riguardo la tutela del patrimonio culturale presente sul loro territorio. Il progetto rappresenta un proseguimento rispetto all’iniziativa dell’anno scorso lanciata da AIGU e focalizzata sulla sensibilizzazione nelle scuole riguardo l’agenda 2030 per uno sviluppo sostenibile promossa dalle Nazioni Unite. “Prima delle nostre attività dei sondaggi hanno mostrato come l’77% degli studenti con cui siamo entrati in contatto dichiaravano di non conoscere gli obiettivi per uno sviluppo sostenibile promossi dall’ONU per il 2030 e dopo le nostre iniziative invece 80% di loro hanno ammesso di aver assunto competenze e conoscenze sul tema” ha dichiarato Pietro Bova, responsabile nazionale dell’AIGU.

Per quanto riguardo l’anno 2022 il progetto EDU Farò Cultura promosso dalla AIGU ha come punto di partenza un concetto espresso dal Consiglio d’Europa nella Convenzione di Faro che riconosce il valore e il potenziale dell’eredità culturale usata come risorsa per il miglioramento della qualità della vita. L’idea è che diffondere e promuovere la conoscenza del patrimonio culturale porti benessere alla comunità. Inoltre, questo progetto si inquadra nella cornice degli obiettivi per il 2030 nell’ambito dell’Obiettivo n.4: “Fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva, e opportunità di apprendimento permanente per tutti”. Intervenuti alla presentazione per mostrare il proprio sostegno al progetto anche l’Onorevole Floridia, Sottosegretario al Ministero dell’Istruzione, che ha sottolineato l’importanza di formare una società civile attenta e responsabile nei confronti del patrimonio culturale. Nella stessa direzione le parole di Maria Mazza, membro della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco che ha voluto lodare non solo il progetto ma anche la forza aggregativa che i giovani dell’AIGU mettono in mostra.

L’idea è anche quella di usufruire della rete creata dall’Unesco ‘Città Creative’ per mettere in contatto varie realtà e promuovere progetti di riqualificazione urbana. A tal proposito sono intervenuti alla presentazione del progetto vari rappresentanti del Comitato Regione Lazio che collabora con l’AIGU e ha lanciato un progetto chiamato ‘La mia Scuola Creativa’. All’interno di questo è stata presentata un’iniziativa in collaborazione con delle classi del liceo artistico Caravaggio di Roma per riqualificare alcune parti della scuola e girare un piccolo cortometraggio a riguardo. A chiudere la presentazione la professoressa Di Gioia del suddetto Liceo ha ribadito l’importanza di formare i ragazzi più giovani alla conoscenza del territorio e affinché si facciano promotori e tutori di questo nel presente e nel futuro.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: