God save the Queen… and the beer!

ph Alberto Blasetti

Il Regno Unito dovrebbe essere punto di riferimento per ogni appassionato birraio. La considerazione e la scelta delle materie prime, in un’isola già molto particolari, come l’acqua, il malto, l’unicità di molti luppoli, fa sì che gli stili birrai inglesi siano di grande influenza nell’evoluzione delle birre artigianali. Basta pensare che alcuni stili americani sono in realtà derivazione di quelli inglesi.
Le particolarità proseguono in birrificio e nelle cantine di fermentazione, dove molto spesso i fermentatori sono aperti e si concludono nei pub, dove la tecnica del cask- conditioning affida al cellar manager un ruolo fondamentale e il servizio tramite hand pump rappresenta qualcosa di molto specifico e affascinante.
Chi ha voluto ricreare l’atmosfera tipica britannica a Roma in tutto e per tutto, sono quattro giovani ragazzi, che come i Beatles hanno consumato passi lunghi e decisi verso le linee di un percorso già iniziato anni prima proprio nel mondo dei pub e della ristorazione.
Andrea e Alessandro Buresti, Simone Casadio e Claudio Moreschi decidono di aprire le porte del Treefolk’s Public House , un whisky e Cask bar in Viale Trastevere con 60 etichette di whisky vintage fuori produzione, 500 etichette in mescita, una selezione di 12 birre a pompa e 8 spine.
Un progetto ambizioso in una elegante riproduzione di un pub degli anni ’20, suddiviso in tre diverse aree. Entrando si è accolti dal grande bancone con le 12 pompe a vista e le tipiche sedute che creano la parte informale del locale : il Cask Bar, dove poter iniziare la giornata, prendere una pausa oppure rilassarsi a fine lavoro con una ottima birra. Nella Sala Camino l’atmosfera si scalda per la cena, accomodati su un raffinato divano, oppure scegliendo le sedute eleganti con tavoli in legno che dialogano perfettamente con il pianoforte a vista dedicato alla musica dal vivo. Per la parte più moderna ovvero la Scotch Room, non si stravolge lo stile, ma si resta con l’eleganza del velluto che riveste le sedie e il grande bancone con la bottigliera in legno che accoglie le migliori etichette di whisky.

ph Alberto Blasetti

COLAZIONE
Le divisioni oltre che nelle sale sono determinate anche per la proposta food e drink partendo per esempio dalla colazione. La caffetteria ha scelto di essere “speciale” offrendo miscele esclusive inglesi, neozelandesi e attrezzature specifiche sotto la gestione di Massimo Carpineti, che punta a far conoscere ad un maggior numero di consumatori e amanti del caffè veloce, la filosofia del caffè spillato ovvero il Gold Trip. Collaborazione con la Torrefazione T68 permetterà di realizzare la Specialty Treefolk’s dove verranno mescolate tre origini specialties provenienti da Etipia, Colombia e Panama.
“Una ricerca costante sulla qualità in tutti i settori con l’obiettivo di utilizzare ogni prodotto selezionato al top della qualità che intrecciandosi daranno vita ad un’esperienza sensoriale a 360” – Queste le parole di Michele Ferruccio, food  & beverage manager per il Treekolk’s Public House, esperto nell’avviamento di locali come Zuma, Rude e The Corner a Roma, e che curerà la gestione sia del bar che della proposta food. Un esempio di questa unione tra caffetteria, bar e cucina è il Negroyster composto da scotch whisky, un caffè selezionato da Massimo Carpineti e la birra Stouth abbinato alle ostriche.
Il caffè è disponibile espresso, in tazza e take away, sono disponibili 10 tipologie di maritozzi dolci e salati realizzati dalla Pastry Chef Barbara Meloni. Naturalmente l’atmosfera è inglese anche nel cibo quindi a colazione si troveranno uova, fagioli, funghi, pomodori e salsiccia accompagnati dal pane tostato e succo d’arancia. Non solo caffè, ma Michele Ferruccio propone durante la mattina una carta con 6 tipologie di Bloody Mary e di Low alcohol, cocktail a bassa gradazione alcolica con base prosecco e fermentati.

ph Alberto Blasetti

RISTORANTE
La cucina del Treefolk’s è il regno di Valerio Mattaccini, già chef di Magazzino Scipioni con il supporto di Massimo Pedico. Una cucina sana, senza spreco e con la ricerca di prodotti selezionati. Materie prime scelte per piatti gustosi e non propriamente da pub.
Non poteva mancare l’ora del tea e per chi deciderà di prendersi una pausa magari dallo smart working potrà scegliere tra 30 tipi di infusi, dai classici tea neri inglesi, ai semi fermentati, bianchi e invecchiati.

Valerio Mattaccini – ph Alberto Blasetti

La giornata prosegue con l’aperitivo, si dà il benvenuto con un drink a base di birra acida e ogni drink scelto poi, può essere accompagnato se si preferisce, da tre piccoli assaggi del menù. Non potevano mancare le Pie salate come tradizione inglese vuole, che erano il principale sostentamento dei marinai inglesi. Queste Pie inglesi masticheranno anche un po’ di “romano”, contenendo il pollo alla cacciatora, il manzo alla picchiapò o il baccalà mantecato con patata viterbese.

ph Alberto Blasetti

Per chi vuole concedersi una cena al pub dopo il lavoro non troverà solo panini e pinta, ma una carta con molte proposte interessanti, si può iniziare con una Tartara di fassona, cuore di barrata e nocciole tostate oppure una gustosa selezione di formaggi, Ostriche fritte yogurt e menta oppure provare lo speciale Uovo carbonaro con caviale al tartufo . Si può continuare con una interessante Anatra ponzu e arancia, oppure una Guanciola di cinghiale confit. Gli amanti del mare possono scegliere dei favolosi Gamberi rossi, tema e zafferano oppure polpo, patate e liquirizia, ma anche molto altro.
Ma non finisce qui… da mezzanotte alle due del mattino il Treefolk’s propone una vasta scelta di piatti più “street”, dal sempreverde Fish & chips, passando dai lollipop di pollo fino ad arrivare ad un’hamburgheria di alto livello di selezione.

ph Alberto Blasetti

A notte fonda la mixology è etichetta. Il Treefolk’s propone un viaggio da scegliere attraverso ogni cocktail che rappresenta un paese diverso.
Dal sito si potranno acquistare birre, cocktail e anche lo spritz con bitter home made. Simpatiche lattine take away con grafiche da collezione conterranno specialty coffee, caffè freddo e il famoso e classico dolce conosciuto in tutto il mondo : il tiramisù.

Treefoolk’s Public House
Viale Trastevere 192
00153 Roma
Tel. +39 0687656024
Aperto tutti i giorni dalle 8 alle 2

Tiramisù

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: