Le ciliegie più buone… si mangiano a Conversano!

Approdare in territorio pugliese riserva sempre piacevoli scoperte. Telluriche emozioni e sensazioni speciali  ti accompagnano di paesaggio in paesaggio: dalle distese di ulivi, al mare cristallino che si unisce all’orizzonte.

Polignano

Da anni la Puglia più pubblicizzata è quella turistica del Salento che ha raccolto migliaia di turisti a flotte, curiosi e desiderosi di godersi mare, sole e specialità tipiche. Ma c’è molto di più… Ci sono piccoli centri ricchi di storia, di arte e di bellezze paesaggistiche da far incantare anche i più freddi, ma consenzienti turisti nordici, nonché noi italiani che molto spesso decidiamo di passare le nostre vacanze all’estero, quando tanto ancora c’è da scoprire proprio dietro l’angolo!
Con la scusa delle ciliegie (un frutto a cui ho dedita dipendenza) ci dirigiamo a Conversano nel periodo di fine maggio. Ed è proprio a maggio con la “Festa delle ciliegie”, che si celebra il frutto che in queste terre ha la sua massima espressione. Rosse, polpose e buonissime sono le ciliegie ferrovia quelle più ricercate, anche ottime per la marmellata (se non finiranno prima!)

Casina dei Preti

Conversano si presenta ordinata e composta, i suoi vicoli sono ravvivati dallo spruzzo di colore dei fiori alle finestre e davanti l’uscio delle porte. Sono viette che raccontano storie antiche, leggende fatte di protagonisti austeri e badesse potenti. Lasciatevi trasportare dalla fantasia (ma soprattutto dalle guide) e perdetevi tra le mura bianche di questa bellissima cittadina.

Conversano

COME ARRIVARE
Conversano è a Sud di Bari (circa 30 km), dove si può comodamente arrivare in aereo con voli diretti dalle principali città italiane e serviti dalle diverse compagnie Ryanair, easyJet, Alitalia, etc.
In treno da Bari con la linea regionale Bari Centrale – Conversano ( circa 55 minuti) in diversi orari. Oppure si può noleggiare un auto per approfittare di visitare anche i dintorni.

Monastero Benedettino

COSA VEDERE:
Il Castello rappresenta la forza e l’opulenza del casato Acquaviva d’Aragona , di pianta trapezoidale e costituito da cinque torri. Da severa fortezza, nei secoli si è tramutato in elegante palazzo, dove ancora oggi è possibile celebrare feste, cerimonie e visite guidate. Sede di MuseCo, il Polo Mussale di Conversano, al primo piano si può visitare la Pinacoteca che ospita le bellissime tele di P.D.Finoglio che rappresentano il poema della Gerusalemme Liberata. Gli sguardi di Rinaldo e Armida ci seguono mentre attraversiamo le stanze in religioso silenzio ammirando tanta bellezza, fino ad accompagnarci da Tancredi e Clorinda nella parte finale.

Rinaldo e Armida

La Cattedrale dedicata all’Assunta è possibile scorgerla anche dalle campagne circostanti, il suo rosone con costoni rappresentanti figure animali, vegetali e umane e la sua pianta a croce latina mozzata nel transetto, ne fanno una delle cattedrali romaniche più affascinanti del barese. L’edificio è tipico romanico pugliese con aggiunte gotiche e reminiscenze bizantine. La facciata maggiore è la parte rimasta integra dopo un terribile incendio del 1911, che ha visto in seguito il rifacimento dei muri laterali.
Il Monastero Benedettino (e annesso chiostro): si parla di benedettini già dal IX secolo e proprio questo monastero riuscì a godere di una indipendenza dal vescovato locale, rispondendo quindi direttamente dalla Santa Sede. Dai monaci benedettini alla presenza di suore cistercensi provenienti dalla Grecia, che ebbero potere e autorità anche sul Vescovo di Conversano. Per quell’epoca era impensabile che una donna amministrasse tante ricchezze, tanto da far preferire alle ragazze di quell’epoca il monastero (quindi diventare badessa) piuttosto che il matrimonio con un nobile. Potere e ricchezze tali che fecero soprannominare il monastero “Monstrum Apuliae” (Stupore di Puglia).
Chiesa di San Benedetto: proprio adiacente al Monastero sorge la chiesa, all’esterno è ben visibile lo stile romanico pugliese di influenze bizantine con tre cupole in asse con quella centrale a tamburo ottagonale e cupola maiolicata di epoca barocca. Al suo interno altari barocchi di legno intarsiato e un policromo altare marmoreo con al centro l’opera più importante di Paolo Finoglio: S.Benedetto e S. Biagio a colloquio divino. Di particolare bellezza l’altare ligneo rappresentante la Vergine del Rosario incorniciata da ciliegie, vegetazione e animali, riportata in luce dopo l’ultimo restauro.


Chiesa di San Cosma: Inizialmente chiesa romanica di San Matteo, diviene Chiesa dei Santi Medici Cosma e Damiano per volere del conte Giangirolamo II Acquaviva d’Aragona e la sua consorte Isabella Filomarino Della Rocca devoti ai santi. L’opera di rifacimento fu iniziata dal pittore Paolo Domenico Finoglio che venne a mancare prima della conclusione del suo lavoro. Dal 1900 la chiesa è assurta a rango di Santuario per il culto di Santa Rita da Cascia.

DOVE DORMIRE E MANGIARE:

Agriturismo Casina dei Preti – Contrada Cozze 9A Conversano: appartamenti e stanze nella struttura principale, immersi nel verde della campagna pugliese, dove rilassarsi e poter godere anche di una bellissima piscina tra le rocce e la tranquillità del paesaggio circostante. Colazione internazionale con marmellate fatte in casa e torte appena sfornate, piatti tipici per pranzi e cene in veranda o all’interno nell’ampia sala del ristorante.

piscina Casina dei Preti

Masseria Montepaolo dimora di charme – Viale Montepaolo, Conversano. La signora Ninni Bassi vi conquisterà con la sua energia, ma soprattutto con la cucina tradizionale casalinga e i sapori di una volta. Location perfetta per trascorrere giorni di relax, ma anche ideale per cerimonie, feste private poiché c’è annessa una antica cappella . Aperitivo a bordo piscina e sala ristorante interna ed esterna.

Amaranta: trofie alla rapa rossa Monte Paolo Dimora di Charme

Pizzeria Terrarossa –  Corso Domenico Morea 14, Conversano. Colore e sapore caratterizza questo ristorante che non è solo pizzeria, non fatevi ingannare dal nome. Un attenta selezione di vini accompagna i piatti tipici, curati nell’impiattamento e accompagnati dai prodotti locali come olio e olive e tanto altro.

Riso Papate e cozze – Pizzeria Terrarossa

Vita Pugliese– Via Ospedale 15. Tra i vicoli di Conversano un gioiello della ristorazione pugliese, dove anche trovare anche arte e incontri culturali. Piatti tradizionali e fantasie dello chef. Da assaggiare assolutamente i cannoli con il pane di Altamura, ricotta di pecora e marmellata di arance… sublimi!

Cannoli di pane di Altamura – Vita Pugliese

Caffetteria della Corte – Piazza della Conciliazione 11, Conversano: un insospettabile bar nella parte centrale del paese, nasconde una cucina tradizionale eccellente e un servizio impeccabile. Terrine in terracotta contenenti i frutti del mare e della terra pugliese.

Cozze in Terracotta Samarelli

COSA FARE:
Oltre le visite guidate, i laboratori di cucina tradizionale sono l’eccellenza a Conversano. Divertiranno i più curiosi e renderanno la visita dinamica e da ricordare, ben organizzati da una attiva Pro Loco si svolgono in strutture e case tipiche dove tutto sembra rimasto inalterato nel tempo. E’ stato molto divertente preparare le “pastatelle” (ravioli di pasta) con la marmellata di ciliegie appena colte, ma ancora  più divertente e gustoso… assaggiarli!

Laboratorio sulla marmellata di ciliegie e Pastatelle

UNCONVENTIONAL CONVERSANO
Questa graziosa e caratteristica cittadina non è solo tradizione e storia, ma anche tanta energia e nuove risorse. Spazi interessanti e riutilizzati sono i locali di un ex Mattatoio riadattati a dimore e laboratori per ragazzi, dove estro, creatività, ma soprattutto lavoro di squadra hanno la meglio. Lo spazio GAD ( Giovani Attivi Digitali) permette ai ragazzi di sviluppare e utilizzare macchine per stampa 3D , Termofornatura e Taglio laser. Progetto coordinato dal giovane Alessio Verdolino che si divide tra Conversano e Madrid, da l’opportunità ai ragazzi di essere attivi in un campo ormai sviluppato in tutto il mondo e affinare tecniche di un nuovo e stimolante lavoro.

Lavori in 3D – Spazio GAD

Non solo arte antica, ma contemporanea e moderna, è la volta della Galleria Vì dove l’artista Vittoria Rutigliano espone le sue opere influenzate dal colore, dalla musica e dalle immagini che spaziano dal suo excursus alla sua fantasia.

Galleria Vì

INFO UTILI:
• “Cooperativa Armida”, Piazza Conciliazione 5. Tel: 080.4959510. Email: coop.armida@libero.it
• Pro Loco Conversano, Piazza Castello 13. Tel: 080.4951228. Email: proloco.conversano@libero.it
• GAL Sud Est Barese : info@galseb.it

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: