Google apre il sipario sui Pixel, i primi smartphone con marchio Google

google_pixel

Era ormai da mesi che si rincorrevano indiscrezioni continue sulla possibile presentazione di nuovi smartphone da parte di Google, e se inizialmente si pensava a nuovi dispositivi realizzati con il brand Nexus, come avvenuto negli ultimi anni a partire dal 2010, il colosso di Mountain View sembra aver deciso qualcosa di diverso, mandando definitivamente in pensione il marchio Nexus che ha accompagnato per anni milioni di consumatori, e puntando invece su quelli che si confermano i primi smartphone della società commercializzati sotto il marchio del colosso di Mountain View ma realizzati in collaborazione con HTC Corporation che si è occupata della produzione, per offrire una esperienza ancora più completa e ricca di funzioni agli utenti.

Nel corso di un evento ufficiale che si è tenuto ieri a San Francisco, è stato aperto il sipario sui nuovi smartphone Google Pixel, che riprendono il marchio già utilizzato dalla società per altri prodotti commercializzati in passato, e che oltre a presentarsi in due varianti con display dalle dimensioni diverse, offrono al pubblico una esperienza di qualità grazie al supporto all’ultima versione del sistema operativo Android, ad un comparto fotografico di tutto rispetto e l’integrazione di Google Assistant, il nuovo assistente virtuale della società di Mountain View ancora più intelligente e in grado di rispondere istantaneamente alle esigenze degli utenti.

I nuovi Google Pixel si presentano con un design elegante protetti dalla tecnologia Corning Gorilla Glass 4 e con una scocca in vetro e alluminio, con lettore di impronte  digitali posizionato nella parte posteriore del terminale e una batteria che assicura un’autonomia per l’intera giornata, ma anche il supporto ad una tecnologia di ricarica rapida che permette di ricaricare fino a sette ore in appena 15 minuti. I nuovi Pixel sono anche i primi smartphone ad approdare sul mercato con l’integrazione di Google Assistant, l’assistente virtuale che offre una conversazione naturale e immediata con gli utenti, rispondendo a tutte le domande e permettendo di accedere istantaneamente a video e foto personali, avviare la riproduzione di contenuti multimediali, cercare informazioni online e molto altro.

Gli sviluppatori hanno lavorato senza sosta per ottenere anche il meglio possibile dall’esperienza fotografica, e i risultati sono stati una fotocamera dotata di un sensore da 12.3MP che permette di catturare immagini di qualità in qualsiasi condizione di luce, di utilizzare la funzione Smartburst per scattare una sequenza di foto e scegliere in automatico lo scatto migliore e la possibilità di girare video con risoluzione 4K. Google Pixel sarà distribuito nelle varianti con display da 5 pollici o 5.5 pollici, avrà installato Android 7.1 Nougat e con tre varianti di colore, Very Silver, Quite Black e Really Blue, quest’ultima destinata al solo mercato statunitense. I nuovi Google Pixel supporteranno inoltre i case posteriori personalizzabili con immagini e foto preferite. Internamente, invece, le altre specifiche comprendono processore Qualcomm Snapdragon 821, 4GB di RAM e 128GB di memoria di archiviazione e fotocamera frontale da 8MP.

I Google Pixel sono già disponibili in prenotazione negli USA, Regno Unito, Canada, Germania e Australia, a partire da $649. La data di lancio ufficiale non è stata ancora confermata e non è possibile sapere, almeno per adesso, quando i nuovi smartphone Google saranno disponibili in Italia e a quale prezzo.

Share

Commenti

commenti