Quarto pareggio consecutivo per la Roma

La Roma fa poker… ma non gioisce, perché si tratta del quarto pareggio consecutivo.

Questo binario morto, imboccato dal treno giallorosso nelle ultime giornate, sembra non avere fine. Gli uomini di Garcia non riescono più a vincere e convincere in campionato e, questo momento, ricorda molto lo stop dell’autunno 2013, quando con un ampio numero di pareggi la Roma perse il primato e l’aggancio con la Juve, che poi proseguì in vetta indisturbata fino alla fine del campionato 2013/14.

La gara presenta quasi subito i soliti spettri per la squadra capitolina, che oltre a non riuscire ad incidere sul sempre brillante e tonico Empoli dell’ottimo Sarri, al 25′ perde per un brutto infortunio Iturbe (forte distorsione al ginocchio destro….si valuterà nei prossimi giorni) e poi subisce la più pesante delle punizioni calcistiche: rigore ed espulsione di Manolas. Maccarone dagli 11 m trasforma con potenza e precisione. E’ il 38′ del primo tempo e subito dopo Garcia decide di sacrificare il Capitano Totti, sostituendolo con Astori, per puntellare la difesa e reagire al momento di inevitabile sbandamento della squadra. Verso la fine della prima frazione di gioco, Saponara, nel tentativo di approfittare di un traversone invitante tocca il pallone con la parte superiore del braccio: per l’arbitro Russo è intenzionale, quindi cartellino giallo (il secondo) ed espulsione. Le squadre sono di nuovo in parità numerica.

Al 12′ del secondo tempo la Roma riesce a pareggiare con un precisissimo colpo da biliardo, col sinistro, di Maicon. Poco dopo Astori centra la traversa e infrange sul legno le speranze di un ennesimo raddrizzamento delle sorti giallorosse. Questo chiaramente non può bastare, dalla Roma ci si attende di più e, anche se gli uomini di Garcia ce la mettono tutta per fare un altro gol, il trend di queste ultime giornate è ormai una sentenza. C’e’ bisogno di invertire la rotta ma certo la sfortuna non risparmia la Lupa quest’anno.

Da registrare anche l’infuriata di Sarri per la “non decisione” di Russo a seguito dell’intervento di Yanga-Mbiwa sull’attaccante empolese lanciato in porta. Il francese ostacola Pucciarelli alzando il braccio in area, correndo un gran rischio. Sarri non la manda a dire e viene allontanato dal campo. La Roma comunque cerca ancora il gol ma questa sera sembra proprio non riuscire a trovare altre risorse e alla fine si deve arrendere al pari.

Ora c’è da guardarsi anche dietro perchè il Napoli di Higuain domani sera ha la possibilità di portarsi a -4 e, alla luce degli ultimi risultati, la differenza di tenuta e di piglio tra le due squadre sembra essersi assottigliata. Staremo a vedere, per il momento: un’altra occasione di rinascita persa.

 

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: