La Turchia è “arrabbiata” con l’Islanda per “mancanza di rispetto” ai suoi calciatori

La Turchia ha espresso rabbia per il modo in cui i suoi calciatori nazionali sono stati trattati all’aeroporto islandese di Reykjavik.

In un tweet, il ministro degli esteri Mevlut Cavusoglu ha definito il trattamento della squadra “inaccettabile in termini di pratiche diplomatiche e umanitarie” e ha affermato che la Turchia “farà cioò che è necessario necessario“.

Mentre i giornalisti circondavano alcuni giocatori all’arrivo, tra i microfoni si vedeva una spazzola per piatti.

I giocatori hanno anche subito una lunga ricerca doganale, secondo quanto riportato dai media turchi.

Secondo l’emittente turca NTV, la Turchia ha conseguito un’azione diplomatica nei confronti dell’Islanda.

Il ministero degli esteri islandese ha affermato che una richiesta di “sicurezza accelerata” da parte dell’ambasciata turca è stata inviata solo poche ore prima dell’arrivo della squadra, e quindi non è mai stata elaborata.

Ma in ogni caso, “tale privilegio viene solitamente accordato solo a funzionari governativi di alto livello“, ha affermato.

Dal momento che la Turchia non si trova nell’Unione europea o nella zona Schengen, che ha norme di sicurezza comuni con l’Islanda, sono state applicate procedure standard – che per l’intera squadra e il personale turco hanno impiegato un’ora e 23 minuti, ha detto il ministero.

La squadra turca è arrivata domenica, in vista di una partita contro l’Islanda martedì nella gara di qualificazione Euro 2020 dell’Uefa.

La Turchia è al primo posto nel Gruppo H, avendo vinto tutte e tre le sue partite finora nel gruppo delle sei nazioni. La squadra ha battuto i campioni del mondo Francia 2-0 sabato.

Burak Yilmaz, attaccante del club turco Besiktas, ha dichiarato che la squadra è stata tenuta ad aspettare le dogane islandesi per tre ore – molto più a lungo di quanto riferito dai funzionari islandesi – durante una scrupolosa ricerca delle borse.

Il presidente della Turchia Recep Tayyip Erdogan è un tifoso di calcio, avendo giocato in semi-professionalità prima di essere eletto sindaco di Istanbul nel 1994.

Il suo portavoce Ibrahim Kalin ha twittato dicendo che “mancare di rispetto alla nostra squadra nazionale in Islanda è inaccettabile“.

Il nostro stato e l’intera nazione si trova accanto alla squadra nazionale, che darà la migliore risposta sul campo“, ha detto.

Il presidente Erdogan è stato il testimone al matrimonio del calciatore tedesco Mesut Ozil, che è etnicamente turco, venerdì.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: