Calcio, Nations League: ancora male l’Italia che esce sconfitta per 1-0 dal match contro il Portogallo

La prima edizione della Nations League 2018 non è per nulla iniziata nel migliore dei modi per la Nazionale di Mancini. I primi due match contro Polonia e Portogallo potevano essere un importante banco di prova per ripartire e dimenticare la delusione della mancata partecipazione al recente Mondiale di Russia e invece contro la Polonia è arrivato un risicato pareggio mentre questa sera, contro il Portogallo, una sconfitta causata da una rete di un attaccante che in Italia, con la maglia del Milan, ha fatto vedere molto poco del suo talento mentre con la maglia del Siviglia si sta riscattando (è già quota tre gol in tre partite grazie a una tripletta segnata nel debutto stagionale contro il Rayo Vallecano): parliamo di André Silva. Nel Gruppo 3 della Nations League l’Italia è, alla pari con la Polonia (che ha però disputata una sola partita, ossia quella contro gli azzurri), a quota un punto. I ragazzi di Mancini sono a rischio retrocessione nella Serie B della Nations League, ma hanno ancora due match (il ritorno contro la Polonia fissato per il 14 ottobre e quello contro il Portogallo in casa previsto per il 17 novembre) per riscattarsi e salvare la faccia.

Migliori in campo per i lusitani privi di Cristiano Ronaldo (che ha voluto rinunciare all’impegno con la propria Nazionale per allenarsi con la Juventus in attesa del primo gol in bianconero) oltre ad André Silva anche l’esterno sinistro d’attacco Bruma (in forza al Lipsia), l’esterno offensivo di fascia destra Bernardo Silva, una delle stelle del Manchester City, e il centrocampista del Betis Siviglia (che in biancoverde ha sostituito Fabian Ruiz, trasferitosi al Napoli) William Carvalho. Nell’Italia tra i pochi al di sopra della sufficienza Donnarumma, grazie alle cui parate ha evitato alla sua Nazionale un’eventuale imbarcata (il punteggio, considerando le occasioni, poteva essere più rotondo a favore del Portogallo), il compagno di club Romagnoli e il terzino ex Roma Emerson Palmieri, in forza al Chelsea. Un Chelsea in cui un altro membro della rosa di questa Nazionale, Jorginho, è già diventato perno dei meccanismi dei Blues allenati dal suo mentore Sarri, mentre la sua prestazione di questa sera è stata a dir poco deludente, risultando tra i peggiori in campo insieme a un Cristante in scarsa forma che continua il suo trend negativo, contando anche le ultime deludenti prove personali con la maglia della Roma.

Share

Commenti

commenti