Sigarette a riscaldamento di tabacco: Il no dell’Airc per assuefazione, danni alla salute e non aiutano a smettere di fumare

Non esistono ancora studi in grado di dimostrare che le sigarette a riscaldamento del tabacco possano ridurre il rischio di cancro rispetto alle normali sigarette. Inoltre i livelli alti di nicotina possono portare dipendenza allo stesso modo delle altre soprattutto tra i più giovani. Sono moltissimi i giovanissimi che iniziano a fumare proprio questo genere di sigaretta, usandola quindi non per smettere ma come oggetto che va di moda.

L’Airc risponde a quattro domande molto semplici ma che aprono un nuovo scenario sul mondo del fumo:

La sigaretta a riscaldamento del tabacco è meno pericolosa della sigaretta comune? Che cosa sono le sigarette a riscaldamento del tabacco? Che impatto hanno questi prodotti sulla salute? Le sigarette a riscaldamento del tabacco possono essere utili per smettere di fumare?

Di seguito le risposte dell’Associazione italiana per la ricerca sul cancro.

La sigaretta a riscaldamento del tabacco è meno pericolosa della sigaretta comune?

DIPENDE. Gli studi disponibili, effettuati perlopiù dai produttori, dicono che il contenuto in nicotina è simile a quello delle sigarette normali, ma il livello di sostanze tossiche legate alla combustione è minore (ma non nullo).

– La sigaretta a riscaldamento del tabacco o “sigaretta che non brucia” non è una sigaretta elettronica. Il suo contenuto di nicotina è simile a quello delle sigarette comuni, ma il livello di altre sostanze tossiche è inferiore.

– Non sono ancora disponibili studi in grado di dimostrare che l’uso di sigarette a riscaldamento del tabacco riduca il rischio di cancro rispetto alle sigarette classiche.

– Gli studi che dimostrano un livello inferiore di sostanze tossiche provengono in maggioranza dai produttori.

– I livelli elevati di nicotina possono indurre dipendenza, specialmente tra i più giovani.

Che cosa sono le sigarette a riscaldamento del tabacco?
Le cosiddette sigarette a riscaldamento del tabacco o sigarette che non bruciano sono dispositivi elettronici che, diversamente dalle cosiddette e-cig, le sigarette elettroniche, contengono foglia di tabacco.

La sigaretta, inserita in un apposito bruciatore elettrico, viene scaldata ad alta temperatura (circa 350 °C rispetto ai 900 °C della sigaretta classica) ma non brucia direttamente. Si tratta di prodotti sviluppati dalle industrie del tabacco e note con diversi nomi commerciali (uno di questi, IQOS, è diventato, almeno in Italia, sinonimo di questo tipo di prodotto).

Il vapore generato dal riscaldamento della sigaretta contiene nicotina a concentrazioni elevate e altre sostanze chimiche presenti nelle sigarette classiche, ma a concentrazioni inferiori, anche se queste informazioni provengono soprattutto da studi effettuati dalle industrie del tabacco stesse per ottenere la registrazione del prodotto da parte delle autorità.

I risultati di uno studio commissionato dal Governo giapponese con lo scopo di regolamentare il fumo di sigaretta in vista dei Giochi Olimpici di Tokyo nel 2020 dimostrano che, se la misurazione viene fatta da laboratori indipendenti, questo tipo di sigaretta contiene, sia nel ripieno sia nel fumo emesso, nicotina e altre sostanze chimiche in quantità analoga alle sigarette comuni, ma un quinto delle nitrosamine e un centesimo dell’anidride carbonica. Gli stessi composti volatili presenti nelle sigarette classiche si ritrovano nelle sigarette a riscaldamento, secondo i risultati di uno studio pubblicati nel 2017 da JAMA Internal Medicine.

Che impatto hanno questi prodotti sulla salute?
Alla luce degli studi effettuati sul contenuto delle sigarette a riscaldamento del tabacco, è ragionevole affermare, come fa la maggior parte degli esperti indipendenti, che il loro utilizzo crei dipendenza quanto la sigaretta comune mentre è possibile che il loro impatto sia minore per quanto riguarda il fumo passivo.

Per tutti gli altri effetti sulla salute mancano studi sufficientemente ampi e prolungati. I risultati di uno studio della fine del 2018, che ha analizzato gli effetti negativi di queste nuove sigarette sulle cellule, hanno dimostrato un effetto tossico maggiore rispetto alle sigarette elettroniche, ma minore rispetto alle sigarette classiche.

Le sigarette a riscaldamento del tabacco possono essere utili per smettere di fumare?
No. Dal momento che il contenuto di nicotina (che è la sostanza che crea dipendenza) è simile a quello delle sigarette classiche, non vi sono benefici in termini di dissuefazione dal fumo.

Passare dalla sigaretta classica a questo tipo di prodotto riduce verosimilmente il livello di esposizione ad altre sostanze tossiche legate alla combustione del tabacco e della carta delle sigarette, ma non quanto la sigaretta elettronica. Per questa ragione la European Respiratory Society ha emesso un documento (position paper) in cui ne sconsiglia l’utilizzo quale strumento di riduzione del danno da fumo.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: