Casa EditriceProssime uscite: Il Segreto delle sette dame

Mai stendere i panni in casa o sui termosifoni. Ecco i rischi per la salute

Il voto degli utenti
[Totale: 0 Media: 0]

stendere_panni

Se per tutto l’inverno avete steso i panni umidi in casa, a quanto pare non è stata la scelta giusta. Secondo il National Aspergillosis Centre di Manchester ricoprire i termosifoni con i panni appena lavati o comunque stenderli all’interno degli appartamenti, è dannoso per la nostra salute. Questo perché se da un lato asciugare i panni sui termosifoni accelera l’asciugatura, dall’altra i panni bagnati farebbero aumentare il tasso di umidità interno della casa favorendo il proliferare di muffe. In molte abitazioni il livello di umidità è eccessivamente elevato e un terzo è dovuta proprio ai panni lasciati asciugare nelle stanze.

In particolare la muffa dannosa per il nostro organismo, scaturita dall’eccessiva umidità, è l’aspergillus fumigatus, causa dell’aspergillosi, un’infezione dell’apparato respiratorio. A confermarlo una indagine svolta dal Prof. David Denning, direttore del centro di ricerche. “Un carico di vestiti contiene due litri d’acqua e questa viene rilasciata nell’ambiente. Molti di noi sono immuni ai funghi che crescono in queste situazioni, o hanno difese sufficienti a combatterli, ma tra coloro che soffrono d’asma può provocare tosse e respiro affannoso. Inoltre per le persone più deboli fa aumentare il rischio di aspergillosi che può portare danni talvolta irreparabili ai polmoni‘.

Nel caso in cui ci sia impossibile stendere all’esterno o non abbiamo una asciugatrice, il consiglio è quello di stendere in camere con un buon ricambio d’aria, con finestre aperte e da evitare camere da letto o il salotto.

La muffa domestica è un problema di salute comune: si contano un centinaio di tipi ma solo una decina possono causare patologie tra cui sinusite, bronchite e altre affezioni delle vie respiratorie, come le allergie.
Queste muffe non sono altro che una forma di fungo che prolifera ovunque ci sia umidità intrappolata nell’aria. Le zone peggiori sono le docce, le aree vicine le lavatrici e nella cucina. Ad esempio lo Stachybotrys chartarum, conosciuto anche come muffa tossica, può produrre spore velenose per inalazione.  I sintomi legati all’inalazione delle muffe sono la tosse, una stanchezza costante, irritazione agli occhi e alla gola, mal di testa, irritazioni alla pelle o nausea.

Commenti

commenti