I rischi delle diete a basso contenuto di carboidrati

Ci risiamo, le nuove indagini sulla giusta alimentazione ci ricordano che la dieta varia ed equilibrata è sempre e solo la giusta risposta sia per la salute che soprattutto per il cuore. Lo confermano i risultati di una serie di studi internazionali presentati al Congresso della Società Europea di Cardiologia (ESC) a Monaco di Baviera. Ultimamente la grande moda è quella di eliminare i carboidrati dalla dieta o comunque di condurre una alimentazione  “low carb”. Questo però aumenterebbe il rischio di morire prematuramente. “I nuovi risultati dello studio suggeriscono che una dieta mista ragionevole è più adatta per una dieta sana per il cuore“, ha comunicato Andrea Podczeck-Schweighofer (KFJ Wien), presidente della Società austriaca di cardiologia. Da qui la conferma di una ricerca polacca che dimostra come una dieta senza carboidrati va assolutamente evitata.

Le persone con una dieta a basso contenuto di carboidrati sono ad aumentato rischio di morte prematura“, ha detto l’autore dello studio Maciej Banach (Lodz, Polonia). “Aumentano anche i rischi delle singole cause di morte come malattie cardiache, ictus e cancro.” Lo studio ha esaminato l’associazione tra diete a basso contenuto di carboidrati, mortalità totale, malattie cardiovascolari e cancro tra 24.825 partecipanti al National Health and Nutrition Examination Survey ( NHANES ) è un programma di ricerca sulle indagini condotto dal National Center for Health Statistics (NCHS) – la principale agenzia del Sistema statistico federale statunitense – per valutare lo stato sanitario e nutrizionale di adulti e bambini negli Stati Uniti e per monitorare i cambiamenti nel tempo. Rispetto ai partecipanti con il più alto consumo di carboidrati, quelli con la mortalità complessiva più bassa sono aumentati del 32% in un periodo di osservazione di 6,4 anni in media. Il rischio di morte per malattie cardiache è aumentato del 51%, una malattia cerebrovascolare comprendente ictus del 50% e cancro del 35%.”Una dieta a basso contenuto di carboidrati può essere utile a breve termine per perdere peso, abbassare la pressione sanguigna e migliorare il controllo del glucosio”, ha affermato Podczeck-Schweighofer. “Ma a lungo termine, sembra essere associato ad un aumento del rischio di mortalità”. Il motivo potrebbe essere l’assunzione più bassa di fibre e frutta e l’aumento del consumo di proteine ​​animali, colesterolo e grassi saturi. Inoltre, le differenze di vitamine, minerali e sostanze fitochimiche potrebbero avere un impatto. Ciò che riteniamo sano per il cuore della nostra dieta e che realmente lo è, differisce spesso da quello che molti considerano essere, ha detto Salim Yusuf, (McMaster University, Hamilton, Canada) in occasione della presentazione dello studio PURE, che è stato pubblicato sulla rivista “The Lancet”: “Per esempio, i nostri risultati mostrano che i latticini e la carne sono salutari e contribuiscono alla longevità “.

Le persone con una dieta che include frutta, verdura, noci, pesce, così come i prodotti lattiero-caseari e carne hanno un più basso rischio di malattie cardiovascolari. Questi sono i risultati di un’analisi complessiva di cinque studi con oltre 218.000 partecipanti provenienti da oltre 50 paesi nei cinque continenti. I risultati, dice Yusuf, sono validi a livello globale. Tuttavia, solo la carne non trasformata fa parte di una dieta sana per il cuore. Inoltre, la quantità di carboidrati raffinati consumati dovrebbe essere limitata.

Fonte: Sportello dei Diritti

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: