Cosa fare quando non perdiamo più peso: la dieta turbo #dieta #dietaturbo

Ci vuole costanza per mantenere il giusto peso e su questo siamo tutti d’accordo. Costanza sia nell’alimentazione che nell’attività fisica. Succede ugualmente però che nonostante i tanti sforzi non si riesca a scendere di peso e questo può causare sconforto e il non sapere più cosa fare. A dare una risposta, la consulente alimentare Haylie Pomroy, che segue molte celebrità di Hollywood e che ha scritto un libro intitolato ‘La dieta turbo‘ (Sperling & Kupfer).

La Pomroy parte dal presupposto che stiamo comunque seguendo una giusta dieta ed un corretto regime alimentare. Le spiegazioni che fornisce quindi non sono efficaci nel caso in cui ci si è appena rivolti ad uno stile salutare di vita. Secondo la consulente sarebbero tre le problematiche che possono ostacolare la perdita di peso, ossia infiammazioni, disfunzioni della digestione e squilibri ormonali. In base a quale delle tre problematiche ci possono riguardare esistono altrettanti consigli alimentari da assumere. Rimane comunque indicata la visita medica per capire se ci fossero maggiori gravità nella situazione stimata.

INFIAMMAZIONI: cosa mangiare
Una infiammazione può causare gonfiore sia alle mani che ai piedi, come anche favorire la cellulite. Ottimo in questi casi assumere mirtilli rossi, daikon, funghi e pepe di cayenna.

Cosa mangiare se si hanno DISFUNZIONI DELLA DIGESTIONE
Chi digerisce male può notare un accumulo di grassi su pancia e addome, ma anche bruciori allo stomaco, costipazione o attacchi di dissenteria. In questo caso l’aiuto arriva dai semi di chia e poi da finocchi, cavolo rosso, lenticchie e zenzero.

SQUILIBRI ORMONALI, come aiutare la dieta
Adipe intorno alle ginocchia e sulla schiena, sbalzi costante ti d’umore, capelli secchi, pelle screpolata… questi sono alcuni dei sintomi che fanno identificare degli squilibri ormonali. Per contrastare questi fenomeni dovete mangiare ceci, cavolfiore, carciofi, barbabietole, pompelmi, uova o anche i cinesi funghi shiitake.

Share

Commenti

commenti