Anche solo poche sigarette al giorno creano danni al cuore

Tra campagne di sensibilizzazione e ricerche scientifiche che hanno più volte ricordato i rischi per la salute creati dal fumo, esistono ancora milioni di persone che acquistano e consumano quotidianamente le sigarette, anche essendo consapevoli dei rischi che corrono. Il problema riguarda sempre di più anche gli adolescenti, che mettono a rischio la propria salute iniziando a fumare in giovane età.

Una domanda che in molti, soprattutto fumatori, si saranno fatti nel corso della propria vita riguarda il numero di sigarette che si possono fumare ogni giorno per essere certi di ridurre i rischi per la salute. E’ vero che per alcune patologie questo discorso può funzionare, ma secondo uno studio pubblicato di recente, quando si parla di problemi cardiovascolari e ictus, il rischio è sempre presente, anche fumando una sola sigaretta al giorno.

Smettere di fumare, soprattutto dopo molti anni, può essere molto difficile ma è importante ricordare che il fumo contribuisce all’insorgenza di patologie molto gravi per la salute, e un motivo in più per abbandonare il vizio viene dato dai risultati di uno studio condotto nel Regno Unito.

Spesso si tende a sottovalutare il rischio, in particolare da chi tende a fumare poche sigarette al giorno. In realtà uno studio condotto dal Cancer Institute dello University College London, ha rivelato che ad una minore quantità di sigarette fumate quotidianamente, non corrisponde un minor rischio per la salute, soprattutto quando si parla di alcune patologie.

I risultati sono stati ottenuti in seguito all’analisi dei dati raccolti da 141 studi che si sono concentrati sugli effetti del fumo sulla salute. In particolare, emerge che se nel caso di patologie come il tumore ai polmoni, il rischio diminuisce con la riduzione del numero di sigarette fumate quotidianamente, lo stesso risultato non si ottiene con le malattie cardiovascolari. Fumare da 1 a 5 sigarette al giorno provoca comunque un danno alla salute aumentando il rischio di incorrere in patologie cardiovascolari. Negli uomini anche solo una sigaretta al giorno aumenta del 46% il rischio di malattie cardiache e del 41% di ictus. Nelle donne le percentuali sono, rispettivamente, al 31% e 34%.

Da questa ricerca, quindi, emerge che per ridurre completamente il rischio di malattie cardiovascolari provocate dal fumo, ridurre la quantità di sigarette non serve. L’unica possibilità è smettere del tutto per evitare di incorrere nei problemi correlati a questo pericoloso vizio.

Share

Commenti

commenti