La goccia smarrita [Concorso di Poesia 2016]

Una goccia

Si lascia scivolare

Sul vetro ormai incrostato

Della nostra storia

 

Il carico d’anni che la compone

Ci rassicura

Sconcertando implacabilmente le nostre esistenze

 

Vivo per la tua quotidianità

Il mio essere

Ti fa da faro nelle tue paure

Cercando un’illuminazione che non arriva

 

Il tuo smarrimento

Mi annichilisce

Spingendomi

Verso percorsi insperati

 

Il lago d’amore

Che lungamente ci pervase

È divenuto un’oscura pozza d’acqua

In cui la torbidezza delle nostre anime

Ci affoga gradualmente

 

Perché ci spingemmo a questo confino?

Per che motivo

I nostri passi divennero asincroni?

 

Ragione non c’è!

Il fuoco è scemato

La combustione ci ha sciolto.

 

Poesia per il concorso 2016 de La Ragnatela Editore

Per votare questa poesia usare il sistema a stelle

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: