Aumentano le tensioni tra la Serbia e il Kosovo

Le tensioni sono aumentate tra Kosovo e Serbia martedì dopo che la polizia in Kosovo ha affrontato e arrestato i serbi all’interno di una missione anti-contrabbando nella regione settentrionale del paese.

L’azione ha scatenato una rapida risposta dalla vicina Serbia, che non riconosce il Kosovo come stato.

La Serbia ha messo le sue forze in allerta dopo l’operazione, e il presidente serbo Aleksandar Vucic ha detto che l’esercito serbo era pronto a difendere i serbi in Kosovo. I comuni settentrionali del Kosovo sono principalmente popolati da serbi fedeli al governo di Belgrado rispetto a quello di Pristina.

Il primo ministro del Kosovo, d’altra parte, ha insistito sul fatto che si trattava solo di un’operazione di polizia.

Confermo che l’operazione riguarda le forze dell’ordine e nient’altro: chiamo i serbi nel nord per mantenere la calma e rispettare la legge“, ha detto il primo ministro kosovaro Ramush Haradinaj.

Ma almeno 19 persone sono state arrestate tra cui due funzionari delle Nazioni Unite, i quali sono stati arrestati in un’operazione che ha visto feriti sia la polizia che i serbi.

La missione delle Nazioni Unite in Kosovo ha dichiarato di essere preoccupata per gli sviluppi nel Kosovo settentrionale, inclusa la detenzione di due membri del personale delle Nazioni Unite che stavano svolgendo le loro mansioni da parte della polizia del Kosovo“, ha detto Farhan Haq, vice portavoce del Segretario Generale delle Nazioni Unite.  Haq ha detto che entrambi i membri del personale delle Nazioni Unite sono stati trasferiti in un ospedale per “il trattamento delle loro ferite“.

Il contrabbando transfrontaliero è aumentato nei comuni a maggioranza serba del nord. Il Kosovo ha implementato una tariffa del 100% sulle merci dalla Serbia lo scorso anno dopo che la Serbia ha bloccato il Kosovo dall’entrare nell’Interpol.

Il ministro degli Esteri del Kosovo, Behgjet Pacolli, ha dichiarato che non sarà l’ultima operazione di polizia in Kosovo, secondo l’AP.

Stiamo combattendo il crimine organizzato“, ha detto Pacolli.

Il ministero degli Esteri russo è stato pronto a definire l’evento una “provocazione“. La Russia è un altro paese che non riconosce l’indipendenza del Kosovo.

Il Kosovo è maggioritario albanese ma era una regione della Serbia fino a quando non ha dichiarato la propria indipendenza negli anni ’90. La conseguente guerra violenta ha ucciso più di 13.000 persone e si è conclusa solo dopo una campagna aerea della NATO nel 1999.

Il Kosovo è diventato un territorio autonomo sotto le Nazioni Unite e ha dichiarato la sua indipendenza ancora una volta nel 2008. È stato riconosciuto da oltre 100 paesi.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: