Il primo ministro giapponese in visita a Teheran

Mercoledì il primo ministro giapponese Shinzo Abe si è recato a Teheran per avvertire che un “conflitto accidentale” potrebbe essere scatenato in mezzo alle tensioni tra Iran e USA, un messaggio arrivato ore dopo che i ribelli Houthi sostenuti dall’Iran, hanno attaccato un aeroporto saudita, ferendo 26 persone .

Il viaggio di Abe è lo sforzo di massimo livello per non allentare la crisi mentre Teheran sembra pronto a rompere l’accordo nucleare del 2015 che ha colpito con le potenze mondiali, un accordo che l’amministrazione Trump ha ritirato l’anno scorso. È anche la prima visita di una prima premier giapponese nei 40 anni dalla rivoluzione islamica.

Ma il successo potrebbe rivelarsi difficile per Abe, come sottolineato dall’attacco ribelle di Houthi all’Aeroporto dell’Arabia Saudita di Abha. L’attacco è solo l’ultimo di un’ondata di attacchi di droni e missili ribelli contro il regno, che è stato impantanato in una guerra durata anni nello Yemen che ha ucciso circa 60.000 persone e ha spinto la nazione più povera del mondo arabo sull’orlo della carestia.

L’Iran sta minacciando di riprendere l’uranio arricchente più vicino al livello di livello militare il 7 luglio se gli alleati europei non riusciranno a offrirgli nuovi termini. Mentre il presidente Donald Trump dice che vuole parlare con Teheran, gli Stati Uniti hanno accumulato sanzioni che hanno visto crollare la valuta riala dell’Iran e le sue esportazioni di petrolio cruciali.

Gli Stati Uniti hanno anche inviato una portaerei e bombardieri B-52 nella regione, insieme a centinaia di altre truppe per sostenere le decine di migliaia già dispiegate in tutto il Medio Oriente. Gli Stati Uniti incolpano l’Iran per gli attacchi di Houthi, così come un misterioso attacco alle petroliere al largo delle coste degli Emirati Arabi Uniti.

Abe ha chiesto “più pazienza” da tutte le parti della crisi, che ha avvertito potrebbe andare fuori controllo.

Al momento la tensione sta aumentando. Dovremmo fare tutto il possibile per evitare che accada un conflitto accidentale e l’Iran dovrebbe svolgere il suo ruolo costruttivo “, ha detto Abe in un discorso ai giornalisti dopo i colloqui con il presidente iraniano Hassan Rouhani. “Esiste la possibilità di un conflitto accidentale e un conflitto militare dovrebbe essere impedito a tutti i costi.”

Rouhani da parte sua ha ripetuto un avvertimento che l’Iran avrebbe offerto una risposta “schiacciante” se attaccato dagli Stati Uniti. Ha anche affermato che il Giappone voleva comprare nuovamente il greggio iraniano, qualcosa che si era fermato sotto la minaccia delle sanzioni statunitensi. Abe non ha riconosciuto di averlo espresso nei loro discorsi.

Ogni volta che la guerra economica si ferma, vedremo uno sviluppo molto positivo nella regione e nel mondo“, ha detto Rouhani.

Nessuno dei leader ha risposto alle domande dai giornalisti.

L’aereo di Abe è atterrato all’aeroporto internazionale Mehrabad di Teheran mercoledì pomeriggio, dove è stato accolto dal ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. Incontrò immediatamente Rouhani al Palazzo di Sadabad, nel nord di Teheran, dove i soldati a cavallo con le bandiere iraniane e giapponesi accompagnarono la sua auto.

Abe vedrà il leader supremo dell’Iran Ayatollah Ali Khameini giovedì.

Il premier giapponese è stato visto come un interlocutore per Trump. Abe aveva appena invitato il presidente americano in Giappone il mese scorso ed è in procinto di negoziare con lui anche per questioni economiche.

La pace in Medio Oriente è un must per il Giappone, che ottiene la maggior parte del petrolio che alimenta la sua economia da lì. Le recenti minacce da parte dell’Iran di chiudere lo Stretto di Hormuz, la bocca stretta attraverso la quale passa un terzo di tutto il petrolio scambiato via mare, hanno sollevato preoccupazioni.

Le minacce incombenti alla sicurezza regionale potrebbero essere viste solo poche ore prima nell’attacco ad Abha. Gli Houthis hanno detto di aver lanciato un missile da crociera all’aeroporto di Saudi mentre il regno ha detto che 26 persone sono state ferite.

Almeno uno yemenita e un cittadino indiano sono stati tra i feriti nell’attacco, che al-Turki ha detto colpire la sala arrivi dell’aeroporto tra le 2 e le 3 del mattino. La televisione di stato ha poi mostrato immagini di danni a un tetto e detriti sull’asfalto dell’aeroporto, sebbene ha reso un punto per mostrare anche riprese dal vivo dall’aeroporto dei passeggeri in coda per prendere i voli.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: