Elezioni Grecia: conservatori greci tornano al potere con una decisiva vittoria

elezioni

Il leader conservatore dell’opposizione Kyriakos Mitsotakis ha tranquillamente vinto le elezioni parlamentari in Grecia domenica, consegnando un colpo pungente al primo ministro di sinistra Alexis Tsipras, dopo un periodo tumultuoso in cui il paese ha affrontato una crisi finanziaria.

Con oltre il 90% dei voti contati, il partito Nuova Democrazia di Mitsotakis aveva il 39,8% dei voti, rispetto al 31,5% del partito di sinistra di Syripa di Tsipras.

Il partito di estrema destra Golden Dawn, fondato da sostenitori neonazisti, è caduto dal parlamento con appena il 2,95 percento dei voti, appena sotto la soglia del 3 percento necessaria per entrare in parlamento: un enorme calo di sostegno per un partito diventato il terzo più grande nella legislatura greca durante la crisi finanziaria del paese.

I risultati hanno indicato che gli elettori greci hanno contrastato una recente tendenza in Europa dei cittadini che hanno rifiutato il mainstream politico e si sono rivolti a partiti populisti ed euroscettici.

Ho chiesto un forte mandato per cambiare la Grecia, l’avete offerto generosamente“, ha detto Mitsotakis nel suo discorso di vittoria. “Da oggi inizia una lotta difficile ma bella“.

Mitsotakis, 51 anni, ha promesso di attenersi alle sue promesse elettorali per tagliare le tasse, attirare investimenti e migliorare il mercato del lavoro. Era stato avanti nei sondaggi di opinione per tre anni ed è riuscito a costruire un vantaggio considerevole.

I greci meritano di meglio ed è giunto il momento per noi di dimostrarlo“, ha detto.

Mitsotakis dovrà ufficialmente prestato giuramento come primo ministro questo lunedì, e dovrà annunciare il suo gabinetto nel corso della giornata.

Tsipras promette l’opposizione “responsabile ma dinamica”

Tsipras ha ammesso la sconfitta e ha telefonato a Mitsotakis per congratularsi con lui.

I cittadini hanno fatto la loro scelta, rispettiamo pienamente il voto popolare“, ha detto Tsipras in un discorso dal centro di Atene.

Ha detto che il suo partito ora lavorerebbe per proteggere i diritti di lavorare i greci come “un’opposizione responsabile ma dinamica” al governo.

Tsipras ha detto che spera che il ritorno di New Democracy al governo “non porterà alla vendetta … in particolare verso i risultati significativi per la protezione della maggioranza sociale e dei lavoratori“.

Le elezioni sono state le prime da quando la Grecia è emersa da tre salvataggi internazionali che dipendevano dai successivi governi che attuavano rigide misure di austerità, tra cui importanti aumenti delle tasse e tagli alla spesa. La crisi finanziaria ha visto i livelli di disoccupazione e povertà salire alle stelle e l’economia si è ridotta di un quarto.

Mitsotakis, figlio di un ex primo ministro, fratello di un ex ministro degli Esteri e zio di un neo-eletto sindaco di Atene, ha combattuto durante la campagna per smentire l’immagine del privilegio familiare.

Si è impegnato a rendere la Grecia più favorevole alle imprese, ad attrarre investimenti stranieri, a modernizzare la famigerata burocrazia del paese ea tagliare le tasse.

Problemi economici, accordo con la Macedonia del Nord

Tsipras, 44 anni, ha voluto le elezioni tre mesi prima del previsto, dopo che Syriza ha subito una grave sconfitta nell’Unione Europea e nelle elezioni locali a maggio e all’inizio di giugno.

Aveva guidato la sua piccola coalizione della sinistra radicale, o Syriza, al potere nel 2015 con le promesse di abrogare l’austerità dei primi due salvataggi della Grecia. Ma dopo mesi di duri negoziati con i creditori internazionali che hanno visto la Grecia quasi schiantarsi fuori dalla valuta comune dell’Unione europea, è stato costretto a cambiare marcia e sottoscrivere un terzo piano di salvataggio che ha imposto tagli alla spesa e aumenti delle tasse.

Ha anche cementato un accordo con la vicina Macedonia settentrionale, in base al quale quel paese ha cambiato il suo nome da “Macedonia”. Sebbene elogiato dagli alleati occidentali, l’accordo fece arrabbiare molti greci, che consideravano l’uso del termine da parte del loro vicino per ospitare obiettivi espansionistici nella provincia greca con lo stesso nome.

Golden Dawn non è finita

Nel frattempo Nikos Michaloliakos, leader del partito di estrema destra della Grecia, ha ammesso la sconfitta in un discorso di concessione ardente.

“Stiamo mandando un messaggio ai nostri nemici e ai cosiddetti amici: Golden Dawn non è finita, superatela, la lotta per il nazionalismo continua, torniamo dove siamo diventati forti: nelle strade e nelle piazze, in una dura lotta contro il bolscevismo e il prossimo selvaggio capitalismo “, ha detto Michaloliakos a una folla di sostenitori.

Ha attaccato sia il primo ministro uscente sia il suo successore entrante. Michaloliakos ha concluso il suo discorso con la sua solita “vittoria alla grandine!” – un riferimento diretto al saluto “Sieg heil” dei nazisti.

Golden Dawn aveva 18 legislatori nel Parlamento uscente di 300 membri, avendo vinto il 6,99 percento dei voti nelle ultime elezioni nazionali, nel settembre 2015.

L’indebolimento del partito si manifesta nelle elezioni europee di maggio, quando ha ricevuto solo il 4,87 per cento dei voti e scivolato al quinto posto tra i partiti greci. Un nuovo partito all’estrema destra, la Soluzione Greca, meno estrema e apparentemente meno minacciosa, potrebbe aver sradicato il sostegno di destra. Si prevede di avere 10 posti nel nuovo parlamento.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: