Aumenta il supporto dell’Unione Europea all’Iran dopo che Trump ha minacciato di inasprire le sanzioni contro l’esportazione di petrolio iraniano

L’Europa si è impegnata a mantenere il suo impegno di aiutare l’Iran dopo che gli Stati Uniti hanno imposto pesante sanzioni sull’importo di petrolio dall’Iran.

Il governo francese e l’Unione europea hanno entrambi dichiarato di attenersi ai termini dell’accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali anche dopo l’ultima mossa degli Stati Uniti. La Francia e i suoi partner europei intendono continuare gli sforzi per assicurare che l’Iran tragga benefici economici finché Teheran rispetterà i suoi obblighi nucleari, ha detto il ministero degli Esteri a Parigi.

Da settembre: UE, Cina, Russia sfidano Trump con un piano per continuare a negoziare con l’Iran

Il Segretario di Stato americano Michael Pompeo ha detto lunedì che gli Stati Uniti non dovrebbero rinnovare le deroghe concesse a otto paesi tra cui Corea del Sud, Giappone e Turchia che hanno permesso loro di acquistare petrolio iraniano senza dover affrontare sanzioni. Il mancato rinnovo delle deroghe che dovevano scadere il 2 maggio ha turbato i mercati energetici e rischia di turbare importanti importatori tra cui Cina e India.

L’insistenza dell’Europa per mantenere l’accordo nucleare iraniano, noto come JCPOA, rischia di infiammare ulteriormente le tensioni con l’amministrazione Trump nel tentativo di costringere Teheran a rinegoziare i termini dell’accordo per includere i missili balistici non nucleari iraniani e l’influenza nel Medio Oriente Est.

Deploriamo l’annuncio di ieri da parte degli Stati Uniti di non rinnovare le esenzioni dal petrolio“, ha detto la portavoce della Commissione europea Maja Kocijancic ai giornalisti a Bruxelles. “Ciò rischia ulteriormente di minare l’attuazione del JCPOA, che è un elemento chiave dell’architettura globale di non proliferazione nucleare che è stata approvata all’unanimità dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite“.

Leader europei come il presidente francese Emmanuel Macron e il cancelliere tedesco Angela Merkel potrebbero essere preoccupati di possibili ricadute degli gli Stati Uniti nei confronti dell’UE. trattative commerciali mirate a evitare più tariffe “forfettarie“, dal momento che il presidente Donald Trump ha precedentemente dimostrato la volontà di confondere questioni politiche disparate nel tentativo di raggiungere i suoi obiettivi.

La Germania, la Francia e il Regno Unito hanno già creato uno speciale veicolo per il commercio con l’Iran progettato per aggirare le sanzioni statunitensi. Il lavoro sul meccanismo INSTEX per facilitare le transazioni finanziarie per le società europee che commerciano con l’Iran sta “procedendo positivamente in vista di un quasi completamento“, ha detto il ministero francese.

L’Iran dovrebbe continuare a lavorare sul suo meccanismo a specchio, ha detto il ministero. Gli scambi tra le due parti sono in corso per garantire che entrambe le strutture “operino in modo coerente con gli standard finanziari internazionali“, ha affermato.

La Francia ha detto che è “determinata” a perseverare l’accordo nucleare, mentre Kocijancic alla commissione ha detto che l’UE si atterrà all’accordo “finché l’Iran continuerà con la piena ed efficace attuazione dei suoi impegni relativi al nucleare“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: