Attivista vietnamita arrestato a causa di un post su Facebook

L’attivista dissidente Nguyen Ngoc Anh è stato condannato a sei anni di prigione per i suoi post online, mentre l’UE chiede il suo rilascio.

Un attivista ambientalista in Vietnam è stato condannato a sei anni di reclusione per messaggi “anti-statali” su Facebook, costringendo l’Unione Europea a definire “uno sviluppo preoccupante” la repressione del dissenso online.

Un tribunale provinciale meridionale giovedì ha condannato Nguyen Ngoc Anh, 39 anni, a sei anni di prigione per “aver prodotto e diffuso informazioni e documenti volti a minare” la sicurezza del Paese, rivela l’agenzia di stampa vietnamita controllata dallo stato.

Citando un atto d’accusa, il rapporto afferma che Anh ha usato i social media per sollecitare dimostrazioni da giugno e settembre dello scorso anno. Il rapporto non specificava il contenuto dei post ma diceva di aver ricevuto 45.000 “Mi piace” e più di 130.000 commenti.

Anh, un ingegnere agricolo di gamberetti, è stato arrestato lo scorso settembre dopo essere stato trovato a scrivere e condividere post e video “anti-statali” sul suo account Facebook tra marzo e agosto dello scorso anno, secondo una dichiarazione della polizia.

Secondo la dichiarazione, Anh ha anche invitato le persone a partecipare alle proteste a giugno e durante la festa nazionale del Vietnam, che si è tenuta a settembre dell’anno scorso.

Anh aveva protestato contro Formosa Ha Tinh Steel, una compagnia di proprietà taiwanese, che il governo vietnamita ha dichiarato colpevole nel 2016 di aver ucciso centinaia di tonnellate di pesce al largo delle coste del Vietnam centrale.

Ha anche sostenuto vocalmente i prigionieri politici, secondo una dichiarazione dell’Human Rights Watch di New York.

L’UE chiede il rilascio

In una dichiarazione di giovedì, il servizio stampa estero dell’UE ha affermato che si aspetta che le autorità vietnamite rilascino immediatamente Anh, così come tutti i blogger e difensori dei diritti umani imprigionati per aver “espresso pacificamente le loro opinioni”.

Il diritto di Nguyen Ngoc Anh alla libertà di espressione pacifica è garantito dalla Costituzione vietnamita“, ha detto la dichiarazione.

Phil Robertson, vice direttore Asia di Human Rights Watch, ha dichiarato mercoledì che il processo è stato uno spettacolo per “spaventare gli altri che potrebbero avere il coraggio di mettere in discussione il governo“.

L’unico crimine di Nguyen Ngoc Anh è quello di aver detto la sua opinione contro l’ingiustizia e l’oppressione“, ha detto Robertson.

Facebook è ampiamente utilizzato nel paese e funge da piattaforma principale per l’e-commerce e il dissenso.

A gennaio, il Vietnam ha accusato Facebook di violare le leggi locali permettendo agli utenti di pubblicare commenti antigovernativi.

Il gigante dei social media americano ha detto in un rapporto del mese scorso che ha aumentato la quantità di contenuti a cui ha limitato l’accesso in Vietnam di oltre il 500% nell’ultima metà del 2018.

Una portavoce di Facebook ha rifiutato di commentare il processo di giovedì.

Secondo Amnesty International, il 10 dei prigionieri vietnamiti è stato incarcerato per posti sui social media.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: