Stop alla vendita di armi britanniche in Arabia Saudita

armi

Londra, Regno Unito – Gli attivisti hanno acclamato una sentenza “storica” ​​da parte della corte d’appello del Regno Unito che dichiarava illegali le vendite di armi britanniche all’Arabia Saudita nella sua guerra contro lo Yemen come potenziale punto di svolta nel conflitto.

La decisione a Londra di giovedì fa seguito a una sfida lanciata dalla Campagna contro il commercio di armi (CAAT) che accusava il governo britannico di vendere armi in licenza nonostante un chiaro rischio che il loro uso potesse violare il diritto umanitario internazionale.

Sebbene non fermerà la guerra a guida saudita in Yemen – nella quale si stima che 100.000 persone siano morte dal 2016 – aggiunge un enorme sostegno agli sforzi internazionali per porre fine al conflitto.

Questa sentenza è enorme“, ha detto Sam Perlo-Freeman, coordinatore di ricerca presso il CAAT.

Possiamo vedere che le vendite di armi da utilizzare nello Yemen sono ora messe in discussione a livello internazionale – negli Stati Uniti e in Europa – ma la messa in discussione da un tribunale di uno dei primi due fornitori di armi dell’Arabia Saudita lo porta ad un livello completamente nuovo.”

“E ‘storico in termini di approccio del governo alle licenze di esportazione che sono ritenute illegali e aggiunge un enorme impulso alla campagna sia in questo paese che a livello internazionale per fermare le vendite di armi all’Arabia Saudita e alla coalizione guidata dai sauditi”.

Da quando la coalizione guidata dai sauditi ha iniziato il suo intervento militare nello Yemen nel 2015, il Regno Unito ha concesso almeno 4,6 miliardi di sterline (6 miliardi di dollari) di armi alle forze saudite. Le armi e il supporto militare dalla Gran Bretagna all’Arabia Saudita – che ora rappresenta il 43% delle esportazioni di armi di Londra – sono cruciali per lo sforzo bellico.

Tuttavia, l’inquietudine pubblica è cresciuta per il ruolo della Gran Bretagna in un sondaggio commissionato dal CAAT che indica che solo il sei per cento delle persone nel paese sostiene le vendite di armi all’Arabia Saudita.

Le vendite del Regno Unito hanno notevolmente rafforzato la capacità delle forze aeree saudite di effettuare attacchi aerei nello Yemen. Gli ultimi sei aerei Typhoon di 72 aerei ordinati nel 2007 sono stati consegnati nel 2017. L’anno successivo, Riyadh ha firmato un memorandum d’intenti per acquistare altri 48 Typhoon

La CAAT sostiene da tre anni che le vendite infrangono le leggi del Regno Unito, che bloccano le licenze di esportazione se esiste un chiaro rischio che armi vengano utilizzate in “gravi violazioni” del diritto internazionale umanitario.

Perlo-Freeman ha aggiunto: “Accogliamo con favore questo verdetto, ma allo stesso tempo pensiamo davvero che non dovrebbe aver preso una procedura giudiziaria di tre anni e mezzo per convincere il governo britannico a cominciare a prendere in considerazione di fare la cosa giusta.”

L’intera priorità del governo britannico nella promozione delle esportazioni di armi su tutto il resto e nella scelta di sostenere e abilitare la guerra a guida saudita in Yemen – che sta causando la peggiore catastrofe umanitaria nel mondo – è fondamentalmente sbagliata”.

Può questa decisione porre fine alla guerra?

Il governo britannico deve ora cambiare il modo in cui valuta il rischio di violazioni del diritto internazionale umanitario prima di approvare le esportazioni. Il primo ministro Theresa May ha già detto che il governo si appellerà contro la sentenza.

Inoltre, la decisione della corte non significa che le licenze per esportare armi in Arabia Saudita debbano essere immediatamente sospese, e ciò non pregiudicherà le scorte esistenti di armi detenute dal paese o il supporto a terra e la manutenzione fornita alle forze aeree saudite dal personale di BAE Systems.

Ora chiediamo la fine immediata di tutte le vendite di armi all’Arabia Saudita e che il Regno Unito non dovrebbe semplicemente sostenere la guerra a guida saudita nello Yemen“, ha detto Perlo-Freeman.

Anna Stavrianakis è una docente di relazioni internazionali presso l’Università del Sussex e un’esperta nel commercio di armi. “Questa decisione legale fornisce finalmente una certa responsabilità per il ruolo del Regno Unito nella guerra in Yemen e il disastro umanitario che ha causato“, ha detto ad Al Jazeera.

Non solo il governo ha trascorso quattro anni a fornire copertura diplomatica per gli abusi della coalizione a guida saudita commessi con armi fornite dal Regno Unito e dagli Stati Uniti, ma ha anche impiegato notevoli quantità di energia nel tentativo di non sapere, o essere visto, di possibili violazioni del diritto umanitario internazionale.”

Finalmente, il governo è stato ritenuto responsabile per la sua politica imprudente“.

La Coalizione Stop the War, con sede a Londra, ha accolto con favore la decisione della corte d’appello. Il portavoce Lindsey German ha detto che dovrebbe portare a un completo cambiamento della politica britannica e porre fine a qualsiasi supporto logistico o politico per la guerra.

Siamo felici della sentenza, ma non dovrebbe mai arrivare in tribunale“, ha dichiarato il tedesco ad Al Jazeera. “Il nostro governo è stato più volte disposto a vendere armi ai sauditi, uno dei regimi più repressivi al mondo.”

Questo dovrebbe fermarsi immediatamente, e il governo britannico dovrebbe chiedere scusa a tutti coloro che hanno sofferto a causa della sua politica“.

Ma il governo del Regno Unito ha in gioco interessi significativi e “farà tutto il possibile per continuare a sostenere la guerra”, ha aggiunto il tedesco.

La maggior parte delle persone in Gran Bretagna sono contrarie all’uccisione di civili e alla guerra nello Yemen, dobbiamo continuare a costruire proteste e organizzarci contro, chiarendo a chiunque sia il primo ministro che questa barbarie deve finire“.

Commenti

commenti

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: